PUNTO 1-Lavoro, ridotte a 5 proroghe contratti a termine in tre anni

giovedì 17 aprile 2014 15:35
 

(Aggiorna con dettagli)

ROMA, 17 aprile (Reuters) - Si riducono da otto a cinque le proroghe dei contratti a termine consentite all'impresa nell'arco di 36 mesi, secondo un emendamento del Pd al decreto legge sul mercato del lavoro approvato oggi in Commissione alla Camera.

Lo ha riferito il relatore al testo, Carlo Dell'Aringa, promotore di altre modifiche deliberate dalla Commissione Lavoro, tra cui quella che introduce l'obbligo di assunzione a tempo indeterminato per i datori di lavoro che stipulano contratti a termine superando il tetto del 20%.

La Commissione dovrebbe licenziare oggi il testo, che passa all'esame dell'aula da domani. Il voto è atteso dopo Pasqua, probabilmente con il voto di fiducia, "anche se manca l'annuncio ufficiale", riferisce l'ex sottosegretario al Welfare.

Per il presidente della Commissione, Cesare Damiano, del Pd, "le correzioni che sono state approvate consentono di migliorare il testo senza un suo stravolgimento".

Gli altri emendamenti riguardano la conferma e l'ampliamento del diritto di precedenza per i lavoratori e lavoratrici in maternità con contratto a termine nelle future assunzioni a tempo indeterminato con la stessa mansione.

Per quanto riguarda l'apprendistato, viene ripristinata una quota di formazione pubblica, la redazione scritta del piano relativo alla formazione 'on the job' da inserire nel contratto di assunzione e la stabilizzazione di almeno il 20% degli apprendisti nelle aziende che occupano almeno trenta dipendenti.

"E' previsto poi un monitoraggio ogni dodici mesi per verificare se la previsione fatta dal governo di un aumento dell'utilizzo del lavoro a tempo indeterminato e la sostituzione di alcune forme maggiormente flessibili attraverso l'utilizzo del contratto a termine, si concretizzerà", conclude Damiano.

(Francesca Piscioneri)   Continua...