Italia, Fmi peggiora stime deficit e debito per 2014 - Fiscal Monitor

mercoledì 9 aprile 2014 17:36
 

* Stima deficit/Pil 2014 a 2,7% da 2,1%, 2015 invariata a 1,8%

* Debito/Pil 2014 a 134,5% da 133,1%, 2015 a 133,1% da 131,8%

* Deficit strutturale visto a 0,8% in 2014, 0,5% in 2015

* Esigenze rifinanziamento 28,4% Pil in 2014, 29% in 2015

MILANO, 9 aprile (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale ha peggiorato le stime su deficit e debito pubblico italiani per quest'anno, e quella sul debito relativo al prossimo. Il deficit strutturale è visto ancora sopra la soglia dello 0,5% quest'anno, con una convergenza verso il pareggio sorretta da misure correttive negli anni successivi.

È quanto emerge dall'edizione di aprile 2014 del Fiscal Monitor, il rapporto semestrale del Fmi che analizza lo stato dei conti pubblici delle principali economie.

Per l'anno in corso il Fondo prevede ora, per l'Italia, un rapporto deficit/Pil del 2,7%, contro il 2,1% stimato nell'ultimo Fiscal Monitor, dell'ottobre scorso. Invariata invece la stima relativa al 2015, con deficit/Pil visto all'1,8%. Per quel che riguarda invece il 2016, le proiezioni del Fmi danno un deficit italiano in ulteriore calo allo 0,8%.

A tali livelli, si legge nel rapporto, corrisponde a una necessità di finanziamento per il Paese pari al 28,4% del Pil quest'anno, al 29% il prossimo, e poi in calo al 23,9% nel 2016.

Il Fondo sottolinea che ad oggi, in diversi Paesi, il processo di consolidamento fiscale è stato a grandi linee suddiviso equamente tra misure di aumento delle entrate e misure di riduzione della spesa. Nel 2014-2015 è invece attesa, specialmente nell'area euro, una prevalenza di misure di taglio della spesa, tra le quali si cita proprio la spending review in corso in Italia, che dovrebbe identificare risparmi per 32 miliardi di euro in tre anni.   Continua...