PUNTO 1-Banche Italia, lieve frenata in crescita sofferenze febbraio

mercoledì 9 aprile 2014 11:14
 

(aggiunge dettagli da comunicato, contesto)

MILANO, 9 aprile (Reuters) - Nuova lieve frenata a febbraio nel trend di crescita delle sofferenze delle banche italiane.

Secondo i dati diffusi da Banca d'Italia, nel periodo in osservazione il tasso annuo di crescita delle sofferenze è risultato pari a 24,3% annuo da 24,5% di gennaio.

A livello assoluto, il valore dei crediti 'non performing' ammonta a 162,038 miliardi contro 127,655 miliardi di febbraio 2013 da 160,428 miliardi il mese precedente (126,146 miliardi a gennaio dell'anno scorso.

"A gennaio 2014 le serie storiche delle consistenze dei prestiti, delle sofferenze e dei depositi e prestiti interbancari registrano una discontinuità statistica dovuta agli effetti della riorganizzazione di primari gruppi bancari; tali operazioni spiegano quasi per intero le variazioni rispetto ai mesi precedenti. I tassi di crescita sono calcolati sterilizzando tali discontinuità" si legge nel rapporto mensile di Via Nazionale.

Al termine dell'ultimo esecutivo Abi tenutosi a Milano, il governatore Ignazio Visco anticipava una dinamica ancora rialzista per le sofferenze in pancia alle banche italiane alla luce della particolare lentezza della ripresa, apprezzandone però i recenti sforzi sotto il profilo patrimoniale.

Tornando alle statistiche odierne su febbraio, sempre su base annua registrano un ulteriore calo, lievemente superiore a quello del mese precedente, i prestiti bancari al settore privato a -3,6% da -3,5%.

Nel dettaglio i prestiti alle imprese (non finanziarie) hanno visto una contrazione di 5,1% da 4,9% di gennaio, mentre il ritmo di frenata dei finanziamenti alle famiglie è stabile a 1,2%.

Ancora in crescita invece i depositi del settore privato presso le banche italiane: +1,8% annuo in febbraio contro +2,7% del mese precedente.   Continua...