Zona euro, rischio deflazione non sarà tema chiave G20 - funzionario

lunedì 7 aprile 2014 16:37
 

BRUXELLES, 7 aprile (Reuters) - Il rischio deflazione nella zona euro sarà probilmente discusso nel corso del prossimo G20 finanziario, in programma giovedì 10 a Washington, ma non sarà la questione chiave del meeting dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali delle principali economie mondiali, che concorderanno una maggiore spinta alle riforme strutturali per rafforzare le crescita mondiale.

Lo riferisce un funzionario coinvolto nella preparazione degli incontri, dopo che la Banca centrale europea si è detta pronta la settimana scorsa ad avviare un piano di acquisto di asset, per contrastare un'inflazione persistentemente bassa.

"Non mi aspetto sarà una questione chiave, ma probabilmente qualcuno solleverà la domanda se è possibile fare di più in termini di politica monetaria all'interno della zona euro", dice il funzionario.

"Qualcuno potrebbe menzionarlo nel corso della discussione. Il Giappone ci ha messo in guardia due volte...sul fatto che questo è un rischio da prendere seriamente. Ma non lo vedo come una preoccupazione particolare per i Paesi come Cina, Brasile o India, per i queli il problema è la volatilità dei capitali", aggiunge.

Tutti i 20 Paesi che prenderanno parte al meeting hanno già inviato le bozze di riforme che si vogliono introdurle per sottoporle all'esame del Fondo monetario e dell'Ocse.

L'obiettivo è rafforzare il Pil globale di un aggiuntivo 2% nel corso di 5 anni, ma i piani dei governi non centrano il target.

Le riforme riguardano il mercati del lavoro, gli scambi commerciali, gli investimenti e la competitività dell'industria.

"Dal primo esame ha mostrato il livello di ambizione è risultato insufficiente, e le strategie finali per la crescita devono produrre significativamente di più per mantenere vivi gli impegni presi al G20 di Sidney", dicono i ministri delle Finanze Ue in un documento preparato per il meeting.

Alla luce di questo, spiega il funzionario, i ministri delle Finanze del G20 daranno mandato ai propri funzionari di concordare misure aggiuntive per tentare di raggiungere il target.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia