Banche Italia, pulizia bilanci piace a mercato, mood investitori cambiato

mercoledì 12 marzo 2014 18:39
 

MILANO, 12 marzo (Reuters) - Al mercato le pulizie di primavera delle banche italiane piacciono e gli investitori affermano di sentirsi incoraggiati in quanto gli istituti di credito appaiono una scommessa conveniente.

Ieri UniCredit ha chiuso in rialzo del 6,21% dopo aver annunciato una perdita di 14 miliardi di euro nel 2013 dovuta ad accantonamenti su crediti e svalutazioni di avviamenti che nel solo quarto trimestre sono stati pari a 18,6 miliardi. Oggi Monte dei Paschi ha comunicato per il 2013 una perdita netta da 1,44 miliardi dopo rettifiche su crediti da 2,75 miliardi e ha chiuso a +1,36% a 0,2235 euro dopo un massimo a 0,2329.

"Il mood è completamente cambiato. Se gli istituti italiani avessero adottato questo tipo di pulizia di bilancio un anno fa, la reazione sarebbe stata molto negativa. Oggi l'Italia non è più causa di allarme tra gli investitori stranieri", spiega Mario Spreafico, responsabile del private banking di Schroeders in Italia.

Anche gli analisti di Mediobanca Securities hanno apprezzato la mossa di UniCredit. "Questo è il momento di visibilità che stavamo auspicando e che porterà gli investitori scettici sulla qualità degli asset della banca a guardarla da un diverso punto di vista: la storia della ripresa", si legge in un report.

"Pulendo i portafogli dei crediti deteriorati le banche possono smettere di agire come zombie e far ripartire il ciclo dei prestiti che attualmente è piuttosto bloccato", dice Massimiliano Saccone, responsabile della società di investment consultancy XTAL Strategies.

(Silvia Aloisi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia