Ucraina, mercati sotto pressione, rublo a minimi storici

mercoledì 19 febbraio 2014 11:43
 

LONDRA, 19 febbraio (Reuters) - Mercati sotto pressione oggi in Ucraina dopo che una nuova ondata di violenza ha colpito la capitale Kiev, schiacciando il rublo ai minimi storici nel cambio contro l'euro e costringendo Mosca ad annullare un'asta in agenda oggi.

Il rublo ha sofferto innanzitutto, tuttavia, per un piano di acquisto di valuta estera annunciato dal ministero delle Finanze.

Almeno 25 persone sono morte ieri negli scontri fra la polizia e i manifestanti anti-governativi nella capitale ucraina.

In caduta libera le obbligazioni ucraine denominate in dollari. Il bond relativo con scadenza 2023 ha toccato i minimi di inizio dicembre. La valuta locale è scesa fino a 8,99 ma gli operatori parlano di scambi sottili.

La Russia è il principale sostenitore del presidente ucraino Viktor Yanukovich e ha concordato di versare 2 miliardi di dollari di un pacchetto da 15 miliardi per dare ossigeno all'economia ucraina pesantemente indebitata.

Il rublo ha toccato un minimo storico contro euro, trattando in ribasso di circa mezzo punto percentuale a 49,03 . Ha perso l'1,5% a 35,66 contro dollaro, il livello più basso dal 2009.

Debole anche la borsa russa ; le vendite hanno contagiato altre piazze finanziarie dell'Europa centro-orientale in una giornata di generale debolezza sui mercati emergenti. Il benchmark MSCI viaggia piatto grazie al sostegno offerto dalla borsa cinese.

"Stiamo assistendo ad una crisi di fiducia nei mercati emergenti... L'unica strategia macro che ha funzionato è stata quella di andare corti di mercati emergenti", ha detto Benoit Anne, responsabile della strategia dei mercati emergenti di Societe Generale, alla Emerging Markets Trade Association ieri.

"Ma i grandi investitori vogliono rientrare e vedo nuovo appetito".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia