Poste, governo discute oggi cessione a privati 30-40% entro anno - fonti governative

giovedì 9 gennaio 2014 10:50
 

ROMA, 9 gennaio (Reuters) - Il governo valuterà in un incontro questo pomeriggio a Palazzo Chigi la cessione entro l'anno del 30-40% di Poste italiane.

Lo riferiscono a Reuters due fonti governative.

All'incontro per discutere della parziale privatizzazione, dicono le fonti, parteciperanno il viceministro per lo Sviluppo economico Antonio Catricalà, il consigliere economico della presidenza del Consiglio Fabrizio Pagani, il direttore generale del Tesoro Vincenzo Lavia e l'ad di Poste Massimo Sarmi oltre ad un rappresentante dell'autorità per le Comunicazioni.

"E' esclusa la cessione di una quota di maggioranza", ha detto una fonte, spiegando inoltre che l'esecutivo vuole cedere delle quote di Poste Italiane spa, ma non delle controllate.

"Si preferisce questa soluzione piuttosto che procedere a uno spezzatino vendendo magari Poste Vita o Banco Posta e lasciando in difficoltà il resto dell'azienda", aggiunge.

Al momento non è stato possibile ottenere un commento da Poste.

Poste è detenuta al 100% dal Tesoro.

(Valentina Consiglio)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia