PUNTO 2-Privatizzazioni, pronti a cedere quote Terna, Fincantieri - Letta

venerdì 18 ottobre 2013 17:20
 

* "Non venderemo per il 100% ma al 49%" - Letta a giornali Usa

* "Riferimenti numerici puramente indicativi" - nota Chigi

* Stato controlla 29,9% Terna, 100% Fincantieri tramite Cdp

* Azioni Terna arrivano a perdere fino a 2% (Riscrive dopo comunicato Chigi)

di Paolo Biondi

ROMA, 18 ottobre (Reuters) - Le dichiarazioni fatte da Enrico Letta sulla cessione di quote in Terna e Fincantieri sono da intendere in termini "puramente indicativi" circa la volontà del governo di procedere sulla strada delle dismissioni. Ogni decisione in merito, come annunciato, verrà presa entro l'anno.

E' quanto si legge in una nota di palazzo Chigi a correzione delle dichiarazioni fatte dal presidente del Consiglio ieri a Washington e pubblicate questa mattina dai siti del Washington Post e di Slate.

"In tema di privatizzazioni i riferimenti numerici a ipotesi di dismissioni riportati in un'intervista del presidente del consiglio Enrico Letta al Washington Post sono da intendersi come puramente indicativi della volontà di offrire al mercato quote non di controllo. In materia il governo deciderà entro l'anno, come previsto dal piano Destinazione Italia, con il supporto del Comitato per le privatizzazioni istituito presso il ministero dell'Economia e finanze", dice la nota.

Nell'intervista si leggeva: "Credo che i mercati siano ora pronti a comprare e noi cederemo asset pubblici... Fincantieri, ad esempio. Venderemo una quota di Terna, che è la rete elettrica nazionale. Naturalmente non per il 100%, ma al 49%"..   Continua...