RPT-Btp in rialzo dopo buone aste, spread Germania si restringe

venerdì 11 ottobre 2013 14:54
 

(elimina refuso su spread Spagna/Italia al sesto paragrafo)
    MILANO, 11 ottobre (Reuters) - Prosegue sul secondario la
sovraperfomance dell'Italia su Germania e Spagna, mentre anche
sul primario il Tesoro italiano continua a incassare successi.
    "E' un mercato favorevole all'Italia, lo abbiamo visto già
nei giorni scorsi sia sul secondario, sia sul fronte delle aste"
dice un trader. 
    Lo spread fra i decennali di riferimento italiano e tedesco
si avvicina a quota 240 punti base, spinto al restringimento
anche dalle difficoltà del mercato tedesco, con il tasso del
decennale Bund che si muove attorno ai massimi delle tre
settimane a 1,890%, sulle prospettive di un accordo fra le parti
politiche in Usa, prospettive che riducono l'avversione al
rischio spingendo gli investitori verso i paesi periferici.
   Sono infatti arrivate, in risposta alla prima mossa fatta da
Barack Obama, timide aperture dei repubblicani Usa che
controllano il Congresso, contribuendo a ristabilire un clima di
maggiore propensione al rischio.
    Anche contro la Spagna continua la buona tenuta dell'Italia,
dopo l'inversione dello spread visto due giorni fa.
    Attorno alle 12,45 il Bono benchmark decennale 
rende 4,327%, per uno spread Spagna/Italia a 3 punti base. 
    "Lo spread Italia/Spagna è stato pienamente recuperato. A
questo punto credo comunque che fino a fine anno i due paesi
andranno di pari passo" dice Vincenzo Longo di Ig.
    
    BUONA DOMANDA E CALO TASSI, EMESSI 19,5 MLD IN SETTIMANA
    Molto alta la domanda in occasione dell'asta di oggi, specie
alla luce dell'alto ammontare collocato in settimana. Il
ministero dell'Economia ha venduto oggi 6 miliardi di titoli tra
Btp e Ccteu nell'asta a medio-lungo di metà mese, il massimo del
target di offerta compreso tra 4,5 e 6 miliardi.
    Questo importo ha portato l'ammontare complessivo emesso in
settimana a 19,5 miliardi di euro e la percentuale delle
emissioni all'84% del target previsto per l'intero anno.
    Il costo del finanziamento è risultato in netto calo
rispetto alle aste precedenti, grazie alla risoluzione della
crisi politica.
    "Si conferma, dunque, il buon interesse nei confronti della
carta italiana in questo momento. Questo è dovuto a diversi
fattori: il superamento delle tensioni politiche e l'impegno del
governo a contenere il deficit entro la soglia del 3% e la
prospettiva di ritorno alla crescita, seppure limitata,
dell'economia italiana" dice Alessandro Giansanti, strategist di
Ing.
    "L'Italia questa settimana ha quindi emesso solo in
medio-lungo ben 11 miliardi, che è tantissimo. Un risultato
molto buono" dice Chiara Cremonesi, strategist di Unicredit,
tenendo conto del 7 anni collocato due giorni fa via sindacato.
"I costi di finanziamento sono in calo su tutti e tre i titoli,
a riflesso di ritrovata fiducia sull'Italia". 
    Sembra infine che le intenzioni del Tesoro, che con
l'emissione del 7 anni intendeva allungare il suo debito, si
stiano finora relaizzando.
    "La domanda è stata positiva e non abbiamo visto un
abbandono del 15 anni per via del 7 collocato per via sindacato
due giorni fa" dice Vincenzo Longo di Ig.  
    
============================= 12,45 ===========================
FUTURES BUND DICEMBRE       139,59   (-0,06)
FUTURES BTP DICEMBRE        112,90   (+0,30)  
BTP 2 ANNI (GIU 15)     102,664  (+0,091)  1,673%
BTP 10 ANNI (MAR 24)   101,053  (+0,292)  4,297% 
BTP 30 ANNI (SET 44)    96,425  (+0,212)  5,039% 
========================= SPREAD (PB)========================== 
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   82            85 
BTP/BUND 2 ANNI          150           154        
BTP/BUND 10 ANNI       243           246 
  livelli minimo/massimo            241,0-249,2  243,4-254,6   
BTP/BUND 30 ANNI       231           233
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   262,4         271,4  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   74,2          61,9
============================================================== 
    
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia