SCHEDA - I nuovi fronti per Letta dopo la manovra correttiva

giovedì 10 ottobre 2013 13:32
 

* Le partite ancora aperte del 2013 valgono quasi 3 mld

* Tensioni Pd-Pdl su abolizione seconda rata Imu

* Legge di stabilità, misure fino a 15-16 mld nel 2014

* Margine 0,2% Pil su deficit 2014 per spese inderogabili

ROMA, 10 ottobre (Reuters) - Approvata la manovra correttiva di fine anno, per Enrico Letta e Fabrizio Saccomanni le sfide non sono certo finite.

Le partite ancora aperte del 2013 valgono quasi 3 miliardi, sommando il costo di tutti gli impegni che il governo ha assunto con la maggioranza.

Il ministero dell'Economia deve verificare se ci sono gli spazi per rifinanziare la cassa integrazione in deroga (330 milioni), il Fondo di solidarietà comunale (120 milioni), la social card (35 milioni) e gli indennizzi alle imprese danneggiate dagli atti di sabotaggio nei cantieri della Tav (5 milioni). Interventi che potrebbero confluire in un decreto legge parallelo alla Legge di stabilità, il cui varo è atteso martedì 15 ottobre.

IL PDL NON ACCETTA PASSI INDIETRO SULL'IMU   Continua...