9 ottobre 2013 / 16:15 / 4 anni fa

SINTESI - Btp 7 anni allunga debito, potrebbe occupare altri comparti

di Irene Chiappisi

MILANO, 9 ottobre (Reuters) - Cogliendo al volo l'opportunità di una fase politica positiva, dopo che il governo Letta ha incassato la settimana scorsa la fiducia, il Tesoro ha collocato oggi 5 miliardi di un nuovo Btp a 7 anni allo scopo dichiarato di aumentare la gamma dei titoli a tesso fisso offerti e di allungare la vita media del debito.

E gli esperti tendono a credere che sarà proprio questo l'effetto dell'emissione, che non dovrebbe quindi andare a erodere l'appetito sulle scadenze più lunghe.

Il titolo maggio 2021 è stato prezzato oggi con un rendimento a 3,761%.

"Mi sento di escludere che il nuovo 2021 andrà a ridurre l'appetito per il 10 anni, andrà anzi a supporto dato che dimostra la facilità del Tesoro a emettere oltre i 5 anni: invita anche gli investitori stranieri a una fiducia sul lungo" dice Alessandro Giansanti, strategist di Ing.

Secondo IG Focus l'introduzione del 7 anni avrebbe un risultato positivo "se l'emissione di oggi attirasse gli operatori che investono su un segmento di curva compreso tra i 3 e i 5 anni".

Il 7 anni dovrebbe quindi andare ad assottigliare la domanda sulle scadenze più brevi. Tuttavia il titolo potrebbe andare anche ad occupare i segmenti di strumenti diversi.

"L'offerta netta positiva il prossimo anno è tutta concentrata sui Btp nominali" dice Chiara Manenti, strategist di Intesa SanPaolo. Secondo la strategist, gli importi in scadenza di Ctz, Cct e BTPei sono tale che difficilmente si potranno avere emissioni nette positive. "Farà certamente comodo avere un benchmark in più per raccogliere fondi tramite Btp".

L'anno prossimo l'Italia ha in scadenza 56,7 miliardi di titoli zero-coupon e 26,4 miliardi di Cct. Quest'anno gli importi in scadenza sono rispettivamente di 23 miliardi e di 14,3 miliardi.

Nel 2014, l'Italia dovrà anche ripagare 18,2 miliardi di euro di indicizzati, contro zero quest'anno.

Secondo i calcoli di Intesa, le emissioni sul brevissimo saranno significativamente inferiori rispetto agli importi in scadenza, mentre l'offerta di Cct dovrebbe equivalere all'ammontare in scadenza.

Matteo Regesta di Citi ricorda che il Cct non è uno strumento molto fortunato e ritiene quindi ragionevole pensare che in prospettiva il nuovo 7 anni svolgerà una funzione di rimpiazzo.

TEMPISTICA DETTATA DA RISOLUZIONE CRISI POLITICA

Il collocamento, via sindacato, arriva a ridosso delle aste di metà mese, domani sul comparto a brevissimo e venerdì sul medio-lungo. Tuttavia il mercato non sembra risentire particolarmente della coincidenza.

"Mi sarei aspettato l'emissione di un Btp Italia prima di quella del 7 anni. Evidentemente il Tesoro ha approfittato della 'window opportunity' creata dalla risoluzione della crisi politica" dice Giansanti.

"È un'operazione di successo che in qualche modo rafforza il clima di fiducia su Roma dopo gli eventi politici della scorsa settimana. Il maggior appeal degli investitori esteri sembra essere l'elemento più positivo di questa emissione" si legge nella nota di Ig.

Il Tesoro sfrutta quindi una buona congiuntura di mercato, colta anche sebbene in termini diversi, dalla Spagna.

Madrid ha infatti collocato via sindacato 4 miliardi del nuovo titolo ottobre 2044 con un libro ordini che ha raggiunto i 10,9 miliardi di euro.

L'Italia e la Spagna sono, a dire di alcuni esperti, le opportunità più interessanti a parità di rischio.

"In questo momento vediamo l'Italia e la Spagna come mercati di forte appeal dato che garantiscono ancora un rendimento elevato sul comparto governativo con un rischio relativamente contenuto, viste le garanzie offerte dalla Bce in termini di Omt" dice IG nella sua nota. "A livello globale, a parità di rischio/rendimento non ci sono tante opportunità, oltre Italia e Spagna".

Tornando all'Italia, secondo Regesta, il timing del lancio del 7 anni poteva essere migliore ma comunque la domanda c'è stata. Poiché ci sono operatori 'corti' e il punto di curva è caro, l'idea a conti fatti è stata quindi un'idea felice.

Inoltre la nuova emissione ridurrà i costi delle scadenze in prossimità.

"Il 2021, specie l'agosto, è molto caro in termini di rendimento, il nuovo benchmark andrà sicuramente a ridurre i costi del debito su quel tratto" dice Giansanti.

Attorno alle 17,30, su piattaforma Tradeweb, il Btp marzo 2021 cedola 3,75% scambia al rendimento del 3,673, cou un rialzo di prezzo pari a 0,098. L'agosto 2021 , titolo con stessa cedola al 3,75%, tratta con un rialzo dello 0,097 e un rendimento a 3,682%.

- ha collaborato Valentina Za

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below