Treasuries in tenue calo, investitori poco attivi, timori su debito

martedì 8 ottobre 2013 16:16
 

NEW YORK, 8 ottobre (Reuters) - Prezzi in tenue flessione per i titoli di stato Usa sulla piazza statunitense: i rendimenti restano tuttavia nella fascia centrale della recente forchetta di oscillazione nell'ottavo giorno della serrata degli uffici federali.

Il persistere del cosiddetto "shutdown" e delle tensioni a Washington alimentano timori sulla possibilità di giungere ad un accordo per alzare il tetto del debito Usa entro la scadenza del 17 ottobre.

Lo stallo politico spinge molti investitori a restare fuori dal mercato tanto più che l'interruzione dell'attività pubblica impedisce la pubblicazione di statistiche macro cruciali per valutare lo stato di salute dell'economia Usa.

Il mercato è destinato a diventare più volatile a mano a mano che si avvicina la data del 17 ottobre quando gli Stati Uniti esauriranno la propria capacità di finanziamento, restando con solo circa 30 miliardi di dollari di liquidità.

Poco dopo le 16 ora italiana il benchmark decennale cede 2/32 rendendo il 2,637%. I tassi hanno cercato di attaccare, senza riuscirci, la resistenza posta al livello del 2,6%.

Alcuni investitori stanno tenendosi alla larga dai titoli in scadenza a metà o fine ottobre che sono più a rischio di essere rimborsati in ritardo. I tassi del titolo a un mese sono balzati allo 0,2% oggi, i massimi da agosto 2011.

Oggi è in agenda un'asta di titoli a tre anni per 30 miliardi di dollari, la prima di una tornata di aste da complessivi 64 miliardi. Verranno offerti 21 miliardi di decennali domani e 13 miliardi di trentennali giovedì.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia