PUNTO 2-B.Stabili colloca obbligazioni equity-linked per massimi 270 mln

martedì 8 ottobre 2013 16:25
 

(Aggiunge pricing da nuova nota)

MILANO, 8 ottobre (Reuters) - Beni Stabili Siiq ha annunciato il collocamento di obbligazioni equity linked che saranno emesse alla pari con un valore nominale unitario di 100.000 euro per un totale di 250 milioni. L'importo potrà essere aumentato fino a 270 milioni in caso di esercizio integrale dell'opzione greenshoe concessa ai Joint Bookrunners entro il 15 ottobre.

Lo dice una nota della società che riporta il princing dell'operazione lanciata questa mattina.

La data di emissione prevista è il 17 ottobre. Le obbligazioni avranno una scadenza di 5,5 anni e una cedola fissa del 2,625% annuale. Saranno convertibili in azioni ordinarie di Beni Stabili, previo via libera dei soci all'aumento di capitale riservato. Il prezzo iniziale di conversione sarà di 0,6591 euro, con un premio del 37% sul prezzo medio ponderato delle azioni Beni Stabili tra il momento del lancio e quello del pricing dell'operazione.

La società avrà la facoltà di regolare i diritti di conversione scegliendo se consegnare azioni, corrispondere un importo in denaro oppure una combinazione di azioni e denaro.

In una nota separata l'azionista di controllo Fonciere des Regions ha espresso il suo sostegno all'operazione anticipando che voterà a favore dell'aumento di capitale previsto in funzione della convertibilità del bond. Il gruppo francese ha quindi assunto impegni di lock-up della durata di 90 giorni.

Il collocamnto è stato coordinato da Mediobanca (Golbal Coordinator), Banca Imi, BNP Paribas e BofA Merrill Lynch.

Il bond è destinato principalmente al finanziamento dell'eventuale riacquisto di alcune delle obbligazioni esistenti convertibili per un valore di 225 milioni a 3,875% con scadenza 2015 e dell'eventuale rimborso dei titoli non riacquistati.

Beni Stabili ha infatti comunicato questa mattina anche un'operazione di reverse bookbuilding per riacquistare le obbligazioni equity-linked al 2015; il processo è attualmente in corso. Il regolamento dell'eventuale riacquisto è previsto per il 18 ottobre; il prezzo è pari al 102,75% dell'ammontare nominale insieme agli interessi maturati e non corrisposti.   Continua...