Inps, cig settembre cala ma straordinaria +47%. Cgil: oltre 1 mld ore in 2013

lunedì 7 ottobre 2013 17:23
 

ROMA, 7 ottobre (Reuters) - Le ore di cassa integrazione autorizzate nel mese di settembre sono nel complesso calate dell'1,3% su anno ma, se la cig ordinaria registra una flessione del 3,7%, quella straordinaria continua a crescere al ritmo sostenuto del 46,8%. In calo del 39,5% anche la richiesta di cassa in deroga, che infatti aspetta di essere rifinanziata dal governo.

I dati sono quelli diffusi stamani dall'Inps e, secondo la Cgil, si traducono in un superamento per il 2013 di 1 miliardo di ore richieste di cassa integrazione. Il sindacato sollecita pertanto il governo a intervenire rifinanziando la cassa in deroga - per la quale sono attesi nel decreto legge di contenimento del deficit 330 milioni - e tagliando le tasse sul lavoro.

"Seppure in leggerissimo calo la media di ore di cassa integrazione staziona stabilmente sulle ottanta al mese, il che vuol dire che anche quest'anno supereremo il miliardo di ore di cig richieste", scrive la Cgil dopo la diffusione dei dati Inps.

"La flessione registrata sottende soprattutto un progressivo passaggio verso la disoccupazione, e i dati sulle domande di mobilità e disoccupazione sono lì a dimostrarlo, nonché un carattere sempre più strutturale della crisi, come emerge inequivocabilmente dalla crescita del ricorso alla cassa straordinaria. Il tutto mentre l'ennesima flessione della cassa in deroga ci dice che sono ancora centinaia di migliaia i lavoratori di aziende in crisi che non stanno percependo alcun sostengo al reddito", prosegue la nota del sindacato.

Secondo i dati Inps, tra gennaio e agosto 2013 le domande complessive di mobilità e disoccupazione sono salite del 22,3% su anno.

La Cgil chiede anche il rifinanziamento della cassa in deroga per i mesi restanti del 2013 e per il 2014, e di rilanciare i contratti di solidarietà.

In serata è atteso un incontro a Palazzo Chigi tra i leader di Cgil, Cisl, Uil e Ugl con il presidente del Consiglio Enrico Letta per discutere della legge di Stabilità che dovrà essere varata entro metà ottobre.

I sindacati hanno minacciato una mobilitazione unitaria senza risorse per il taglio del cuneo fiscale nella legge di Stabilità da varare, con il decreto per tenere il deficit entro il 3%, non più tardi del 15 ottobre.

Il governo punta a destinare circa 5 miliardi al taglio del cuneo.   Continua...