Berlusconi, dopo proteste Pdl Grasso dice che non può sospendere Giunta

venerdì 4 ottobre 2013 16:35
 

ROMA, 4 ottobre (Reuters) - Dopo le proteste del Pdl, che ha chiesto di sospendere i lavori della giunta delle elezioni del Senato che sta decidendo sulla decadenza da parlamentare di Silvio Berlusconi, il presidente di Palazzo Madama Pietro Grasso ha detto che non può prendere tale decisione.

La vicenda è nata dopo la pubblicazione di un post sulla pagina Facebook del senatore del M5S Vito Crimi mentre era in corso la giunta. Secondo il partito di Berlusconi, il post, che conteneva pesanti critiche a Berlusconi, si tratterebbe di una violazione della segretezza della camera di consiglio, di cui Crimi fa parte.

Un collaboratore di Crimi ha successivamente spiegato di essere stato lui a postare in rappresentanza del senatore.

"Il presidente del Senato non ha alcuna possibilità nemmeno di comunicare con i componenti della Giunta, in questo momento riunita in camera di consiglio, senza incorrere nella violazione del regolamento che prevede la segretezza", ha detto Grasso in una nota.

Il presidente ha spiegato che servirà "un'attenta e approfondita istruttoria per stabilire autori, tempi e modalità riconducibili a eventuali violazioni del regolamento", escludendo dunque interventi immediati, pur giudicando "inqualificabile" quanto scritto da Crimi.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia