Tesoro conclude operazione 'case fantasma', gettito 589 mln

venerdì 4 ottobre 2013 11:28
 

ROMA, 4 ottobre (Reuters) - L'Agenzia delle entrate e il Dipartimento finanze del Tesoro hanno concluso l'operazione "case fantasma", attribuendo a 1,2 milioni di immobili una rendita catastale di oltre 825 milioni di euro.

Il maggior gettito è "quantificabile dal Dipartimento delle finanze in circa 589 milioni", annuncia l'Agenzia in un comunicato.

La regolarizzazione delle case sconosciute al Catasto è stata realizzata grazie all'incrocio delle mappe catastali con le immagini aeree rese disponibili dall'Agea, l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura, per avvistare così i fabbricati presenti sul territorio ma non nelle banche dati catastali.

La somma delle rendite si divide in due categorie: 537 milioni sono definitive, cioè attribuite dopo che gli interessati hanno provveduto spontaneamente a presentare gli atti di aggiornamento del catasto; 288 milioni sono rendite presunte, cioè attribuite d'ufficio, perché gli immobili non erano stati accatastati volontariamente dai contribuenti alla data del 30 novembre 2012, giorno in cui si è chiusa l'attività di accertamento sui fabbricati non dichiarati.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia