Btp giù su timori tenuta governo, spread stringe su flessione Bund

giovedì 5 settembre 2013 12:40
 

MILANO, 5 settembre (Reuters) - Mattinata negativa per il
mercato obbligazionario italiano, che sconta i timori rispetto
la tenuta del governo di larghe intese, cui il Pdl che continua
a minacciare il ritiro della fiducia se la giunta per le
immunità del Senato dovesse votare la decadenza di Silvio
Berlusconi da parlamentare, dopo la condanna definitiva per
frode fiscale.
    "Il fattore che sta determinando la flessione di oggi è
l'incertezza politica. E' un elemento di disturbo, sicuramente
penalizzante", dice un dealer di una banca italiana specialista.
"La parte della curva che sta pagando di più la situazione è
sicuramente il tratto decennale", prosegue l'operatore.
    A mettere pressione all'obbligazionario italiano anche la
tornata di aste spagnole a medio lungo termine, che hanno
registrato il tutto esaurito e rendimenti in
calo. 
    "Qualcuno si è alleggerito di debito periferico, e quindi
anche di Btp, per fare spazio alla nuova carta spagnola", dice 
un secondo operatore.
    Intorno alle 12,00 il rendimento del decennale italiano
 sale al 4,456% dal 4,423% della chiusura, mentre
lo spread con l'analoga scadenza del Bund scende
a 246 punti base per la contemporanea flessione del Bund.
    Il rendimento del decennale tedesco è tornato sopra il 2% 
per la prima volta un anno e mezzo, in parallelo a
quelli dei Treasuries Usa, sulla prospettiva di una prossima
riduzione del programma di stimolo della Federal Reserve.
    Sulla carta tedesca pesano inoltre i segnali di ripresa che
continuano a provenire dall'economia della zona euro. 
    Ultimo in ordine di tempo l'indice Pmi sull'attività del
settore privato, che ad agosto ha registrato l'espansione pià
marcata da oltre due anni.
    Resta, intanto, intorno ai 10 punti base lo spread a dieci
anni tra Italia e Spagna, che era arrivato quasi
ad azzerarsi la scorsa settimana.
    
    INCERTEZZA ANCHE SU PIANO INTERNAZIONALE
    Tornando ai Btp, ai timori d'instabilità politica interna si
aggiunge, peraltro, una situazione d'incertezza internazionale,
dominata dalla crisi siriana, al centro dei colloqui del G20, e
dalla prospettiva di una prossima riduzione del programma di
stimolo monetario della Fed, che riunisce il comitato di
politica monetaria il 17 e il 18 settembre.
    Dovrebbe, invece, concludersi con un nulla di fatto sui
tassi e senza sorprese sul fronte delle misure non-standard il
consiglio mensile della Banca centrale europea. Mario Draghi
dovrebbe limitarsi a ribadire la 'forward guidance', peraltro
introdotta soltanto a inizio luglio: l'impegno è di mantenere i
tassi sui livelli attuali, se non addirittura inferiori.
    Francoforte, inoltre, presenterà gli aggiornamenti sulle
stime trimestrali su Pil e inflazione.
    "Dalla Bce non ci aspettiamo novità, se non una presa d'atto
dei segnali di ripresa dell'economia della zona euro, che però a
mio avviso sono del tutto incompatibili con una modifica
dell'orientamento espansivo", dice un trader. 
        
=========================== 12,10 ============================
FUTURES BUND SETTEMBRE      139,05   (-0,68)
FUTURES BTP SETTEMBRE       111,09   (-0,38)        
BTP 2 ANNI (GIU 15)     101,881  (-0,050)  1,917%  
 
BTP 10 ANNI (MAG 23)   100,698  (-0,317)  4,456% 
BTP 30 ANNI (SET 40)    99,060  (-0,327)  5,109%  
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   94            93 
BTP/BUND 2 ANNI          166           167        
BTP/BUND 10 ANNI       246           249  
livelli minimo/massimo              244,9-249,3  243,6-250,4   
BTP/BUND 30 ANNI       239           241        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   253,9         252,7   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   65,3          70,3      
============================================================== 
    
    
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia