5 settembre 2013 / 10:19 / tra 4 anni

PUNTO 3-Tensioni in Senato, governo battuto su moratoria giochi

* Per il Tesoro la moratoria “è inapplicabile”

* La Lega esulta. Maroni su Twitter: “Adesso governo a casa”

* Nel 2012 lo Stato ha riscosso 12,9 mld dai giochi (Riscrive dopo la nota del Tesoro)

ROMA, 5 settembre (Reuters) - L‘aula del Senato ha approvato oggi, contro il parere del governo, una mozione che prevede “una moratoria di 12 mesi sul gioco d‘azzardo on line e sui sistemi di gioco d‘azzardo elettronico in luoghi pubblici e aperti al pubblico”.

Presentata dalla Lega Nord, la mozione ha come primo firmatario Massimo Bitonci ed è passata grazie al sostegno di una parte del Pdl, riferisce una fonte parlamentare, partito dello stesso sottosegretario con delega ai giochi, Alberto Giorgetti, fortemente contrario alla mozione.

Invitando il Senato a “riconsiderare la posizione espressa in data odierna”, il ministero dell‘Economia scrive in una nota che la moratoria “è inapplicabile”.

Il governo “compirebbe un atto illegittimo” applicando i contenuti della mozione, dice il Tesoro. Si aprirebbe “un contenzioso con i circa 200 operatori italiani ed esteri che hanno ottenuto la concessione” e una controversia con l‘Unione europea, “dopo due procedure di infrazione chiuse nel 2010”.

La moratoria produrrebbe inoltre “lo spostamento in massa di giocatori verso il mercato illegale” e “la perdita della possibilità di contrastare, con strumenti mirati, il gioco problematico e patologico e l‘accesso dei minori al gioco”, prosegue il Tesoro.

GIORGETTI RIMETTE DELEGA, SACCOMANNI GLI RINNOVA LA FIDUCIA

“Bravi senatori leghisti. E adesso governo a casa”, ha scritto su Twitter subito dopo il voto il segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni.

Le mozioni sono atti di indirizzo e non vincolano l‘azione del governo. Il voto di oggi segnala più che altro tensioni dentro la maggioranza e in particolare all‘interno del Pdl, mentre si intensifica il confronto sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore dopo la condanna definitiva nel processo Mediaset.

Per ridimensionare il contenuto della mozione, il Senato ha poi approvato un ordine del giorno che impegna il governo a “prevedere una moratoria per le nuove autorizzazioni in attesa della riorganizzazione e pianificazione dell‘intero sistema”. Questa volta l‘esecutivo si è rimesso all‘aula.

A rappresentare in aula il governo c‘era il sottosegretario Giorgetti (Pdl), che ha rimesso la delega nelle mani del ministro Fabrizio Saccomanni.

L‘ex direttore generale della Banca d‘Italia ha confermato la sua “piena fiducia” a Giorgetti, “ricevendone la disponibilità a proseguire nell‘incarico”, spiega il comunicato del Tesoro.

GLI OPERATORI MINACCIANO IL BLOCCO DELLA RACCOLTA

Presentando la mozione, il Carroccio ha voluto porre al centro del confronto politico gli effetti negativi legati ai giochi. La ludopatia è “una vera e propria piaga” che “sta portando alla rovina centinaia di famiglie”, ha detto il senatore della Lega Stefano Candiani.

Replicando alla Lega il Tesoro si impegna a “monitorare con attenzione l‘efficacia delle misure già introdotte per contrastare e prevenire la ludopatia, verificando anche se vi sia la necessità di predisporre ulteriori interventi per rafforzarle”.

Il voto del Senato ha provocato la reazione di Assotrattenimento, l‘associazione degli operatori aderente a Confindustria, che ha convocato il direttivo per deliberare forme di mobilitazione, compreso “l‘immediato blocco della raccolta”.

Nel 2012 i giochi hanno garantito entrate totali pari a 12,939 miliardi di euro, stando ai dati del Dipartimento finanze del Tesoro. Il primo semestre del 2013 si è chiuso con un gettito di 6,516 miliardi.

Un aspetto del problema a cui il Tesoro fa esplicito riferimento quando sottolinea nella nota che la moratoria produrrebbe “una forte diminuzione delle entrate in una fase estremamente delicata per la finanza pubblica”.

Dopo aver incassato dall‘Europa l‘uscita dalla procedura per disavanzo eccessivo, l‘Italia si è impegnata a mantenere il rapporto deficit/Pil sotto il tetto massimo del 3%.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below