Fmi vede economie emergenti vulnerabili a restrizione monetaria Fed

mercoledì 4 settembre 2013 12:16
 

BERLINO, 4 settembre (Reuters) - La crescita globale sarà sempre più guidata dalle economie avanzate, Stati Uniti in testa, mentre quelle emergenti rischiano un rallentamento a causa del restringimento delle condizioni della politica monetaria Usa.

È quanto sostiene il Fondo monetario internazionale, in una nota preparata per il G20 di San Pietroburgo, al via domani.

Nel documento, ottenuto da Reuters, il Fmi chiede un rafforzamento dell'azione globale a sostegno della crescita e della capacità di gestione del quadro finanziario, alla luce dell'appesantimento di alcuni rischi di sistema.

In particolare le economie emergenti appaiono vulnerabili a un restringimento della politica monetaria della Fed, e il Fmi raccomanda alle autorità di tenersi pronte a fronteggiare un aumento dell'instabilità finanziaria.

"I responsabili della politica monetaria dovrebbero consentire ai tassi di cambio di rispondere a cambiamenti dei fondamentali, ma potrebbe essere necessario guardarsi dal rischio di aggiustamenti disordinati, anche attraverso interventi per temprare l'eccessiva volatilità", scrive il Fmi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia