Btp in rialzo nonostante tensioni Siria, mercato cerca periferia

martedì 3 settembre 2013 12:57
 

MILANO, 3 settembre (Reuters) - Mercato obbligazionario
italiano positivo, nonostante qualche tensione generata in
mattinata dalla notizia, rilanciata dall'agenzia Ria,
dell'identificazione da parte del ministero della Difesa russo
di oggetti balistici lanciati verso il Mediterraneo Orientale. 
    Israele ha poi annunciato di aver condotto un test
missilistico congiunto con gli Stati Uniti nel Mediterraneo
.
    "L'impressione è che il mercato sia corto sui periferici.
Tra luglio e agosto molti si sono scaricati di debito periferico
a causa di vari fattori di incertezza e ora la sensazione è che
il mercato deve e vuole ricoprirsi sulla periferia" afferma il
trader di una banca milanese.
    La decisione del presidente Usa Barack Obama di richiedere
l'autorizzazione del Congresso per un eventuale intervento
militare ha di fatto riportato già da ieri una maggiore
distensione sul mercato: il via libera del Congresso comporterà
infatti lo slittamento di ogni eventuale azione e anzi, secondo 
alcuni, potrebbe anche portare ad uno stop all'iniziativa.
    "Il punto di svolta sono state le aste di Btp della
settimana scorsa che hanno visto tanta domanda, anche da account
che non si muovono spesso" prosegue il trader. "Ora basta anche
qualche notizia minimamente positiva, come il ritardo
dell'eventuale attacco in Siria, per vedere un buona reazione
del mercato".
    
    SPREAD SU BUND SOTTO 245 PB, SU SPAGNA A 12 PB
    Su piattaforma Tradeweb, a fine mattinata il differenziale
di rendimento tra Btp e Bund decennali si attesta poco sopra i
240 punti base, in lieve  restringimento dai 245 della chiusura
di ieri
    "La curva si irripidisce nel tratto 10-30 anni e fa un
leggero appiattimento sul 2-10: significa che oggi il decennale
è il fulcro del mercato è questo è positivo".
    Il differenziale di rendimento tra decennali spagnoli
 e italiani (scadenze rispettivamente 31 ottobre e
primo maggio 2023) si attesta a circa 12 punti base, dopo
essersi ristretto la settimana scorsa ad appena 2 punti base.
    Il nuovo decennale italiano marzo 2024 (non
ancora benchmark su piattaforma Tradeweb) tratta al rendimento
del 4,47%, praticamente in linea con l'attuale benchmark
spagnolo. 
    Il rendimento della carta italiana rimane invece superiore
di un manciata di punti a quello della carta spagnola sulla
scadenza biennale , 1,83% contro 1,79%.
    Sul fronte periferico si è svolta in mattinata anche un'asta
a breve greca: 1,138 miliardi di euro di bond a 6 mesi, con
rendimento invariato rispetto al collocamento di un mese fa, al
4,20%, ma bid-to-cover in aumento a 1,89 da 1,77
.
    
=========================== 12,40 ============================
FUTURES BUND SETTEMBRE      140,11   (+0,01)
FUTURES BTP SETTEMBRE       112,20   (+0,28)        
BTP 2 ANNI (GIU 15)     102,040  (+0,033)  1,833%  
 
BTP 10 ANNI (MAG 23)   101,722  (+0,258)  4,324% 
BTP 30 ANNI (SET 40)   100,143  (+0,191)  5,052%  
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   93            90 
BTP/BUND 2 ANNI          161           162        
BTP/BUND 10 ANNI       242           245  
livelli minimo/massimo              238,0-244,9  243,6-252,0   
BTP/BUND 30 ANNI       237           239        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   249,1         250,5   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   72,8          70,8      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia