Debiti Pa, nuova tranche 7,2 mld, totale resta 40 - decreto Imu

lunedì 2 settembre 2013 13:49
 

* I tagli alla spesa garantiscono quasi 1,5 mld di coperture

* Salta la deducibilità Imu da redditi d'impresa

* Ai 6.500 esodati aggiunti col decreto 583 mln in 6 anni

ROMA, 2 settembre (Reuters) - Lo Stato italiano liquiderà alle imprese fornitrici della pubblica amministrazione 27,2 miliardi nel 2013 e quasi 13 miliardi nel 2014.

Il decreto legge sull'Imu, approvato mercoledì 28 agosto dal governo e pubblicato sabato 31 in Gazzetta ufficiale, mantiene l'obiettivo di rimborsare debiti commerciali per un totale di circa 40 miliardi nel biennio 2013-2014.

Presentando il decreto il presidente del Consiglio, Enrico Letta, aveva detto che il governo ha deciso di "immettere nel sistema altri 10 miliardi di crediti" dopo i primi 40 previsti dal decreto 35, varato dal precedente governo di Mario Monti in aprile e convertito in legge a giugno.

I rimborsi sono invece 7,218 miliardi e derivano da un'anticipazione della dote in programma nel 2014.

Una fonte governativa spiega che l'obiettivo di portare il totale a 50 miliardi resta sul tavolo. L'operazione è rinviata però a un successivo provvedimento, probabilmente la Legge di stabilità di ottobre.

Per liquidare gli arretrati il ministero dell'Economia emetterà nuovi titoli di Stato fino a 8 miliardi nel 2013, recita l'articolo 15 del decreto.   Continua...