Ue valuterà norme capitale per 'shadow bank' - documento

giovedì 29 agosto 2013 17:47
 

LONDRA, 29 agosto (Reuters) - L'Unione europea potrebbe applicare le sue norme vincolanti sul capitale bancario a un più ampio ventaglio di istituzioni per coprire i rischi nei "punti oscuri" del sistema finanziario.

E' quanto emerge dalla bozza di un documento dell'Unione europea, scritto dalla Commissione Ue e che dovrebbe essere pubblicato mercoledì prossimo.

Nel documento si delineano possibili riforme per regolare lo "shadow banking", ovvero l'insieme degli intermediari finanziari non bancari che gestiscono circa migliaia di miliardi di dollari di transazioni all'anno.

Nel documento, visto da Reuters, si dice che l'estensione delle regole sul capitale alle 'shadow bank' darebbe una risposta ai timori dei parlamentari Ue, secondo cui tali attività dovrebbero essere regolamentate nello stesso modo.

"Non è possibile discutere di 'shadow banking' senza tenere in considerazione l'orizzonte di applicazione delle regole prudenziali dell'Ue sulle banche", si legge ancora.

All'Autorità bancaria europea - si legge nel documento - verrà chiesto di stimare il peso delle entità finanziarie che non sono inquadrate nel raggio d'azione delle attuali norme sul capitale bancario.

A livello mondiale lo 'shadow banking' è un fenomeno da circa 60.000 miliardi di dollari, per 31.000 miliardi nella sola Ue.

Nel documento, che potrebbe essere oggetto di una revisione prima di essere pubblicato, si legge che la Commissione considererà anche i rischi provenienti da "certe tecniche di investimento e strategie" utilizzate da alcuni fondi.

"In particolare, si esaminerà come i fondi di investimento utilizzano le transazioni di titoli finanziari. I fondi dovranno garantire che il ricorso a questo tipo di transazioni non danneggi la loro liquidità", si legge ancora.   Continua...