Imu, cancellata prima rata 2013, stop saldo il 15 ottobre - Letta

mercoledì 28 agosto 2013 19:49
 

ROMA, 28 agosto (Reuters) - Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che cancella la prima rata prevista per il 2013 dell'Imu sulle abitazioni principali, i terreni agricoli e i fabbricati industriali.

Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, spiegando che le coperture per eliminare anche il saldo di dicembre saranno individuate nel decreto di accompagnamento alla Legge di stabilità, il 15 ottobre.

"Imu sulla prima casa, terreni agricoli e fabbricati rurali: non verrà pagata la rata di settembre; nel decreto legge che accompagnerà il 15 ottobre la Legge di stabilità saranno indicate le coperture per l'eliminazione della seconda rata", ha detto Letta aggiungendo che il decreto odierno è coerente con l'obiettivo di mantenere il deficit sotto il 3% del Pil nel 2013.

L'obiettivo del governo, ha confermato il capo del governo, è assorbire Imu e Tares in una nuova imposta, la Service tax, la cui struttura sarà definita sempre nella Legge di stabilità.

Il decreto rifinanzia poi gli ammortizzatori sociali con altri 500 milioni e prevede stanziamenti per tutelare 6.500 "licenziati individuali", la categoria più disagiata di esodati, i lavoratori che dopo la riforma previdenziale di fine 2011 rischiano di trovarsi senza lavoro e senza pensione.

Le coperture derivano da tagli alla spesa pubblica e dal comparto dei giochi d'azzardo.

Il governo fa anche affidamento sul maggior gettito Iva che lo Stato dovrebbe incassare rimborsando alle imprese altri 10 miliardi aggiuntivi di debiti commerciali.

"Abbiamo deciso di immettere nel sistema altri 10 miliardi di crediti" vantati dalle imprese verso la pubblica amministrazione, ha spiegato Letta.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia