Btp in calo, buona asta Ctz, rimangono timori politici su Italia

martedì 27 agosto 2013 12:47
 

MILANO, 27 agosto (Reuters) - Rendimento praticamente
invariato nell'asta odierna di Ctz, in cui il Tesoro ha
collocato appena meno dell'importo massimo offerto sul titolo e
su due Btp indicizzati.
    Il permanere di un clima di forte incertezza politica - con
il governo Letta a rischio crisi - non impedisce un buon
risultato nella prima delle tre giornate delle aste di fine
mese, ma non basta a ridare fiato ad un mercato obbligazionario,
quello italiano, oggi ancora sotto pressione.
    Il Tesoro ha collocato stamane 2,983 miliardi di euro del
Ctz giugno 2015, su un'offerta compresa tra 2 e 3 miliardi. Il
rendimento si è attestato all'1,871% contro l'1,857% dell'asta
di fine luglio, comunque il livello più elevato da giugno. 
    "Il titolo è uscito sui massimi di rendimento intraday ma
non c'è stata debolezza ulteriore, quindi possiamo dire che è
uscito in linea col mercato" commenta lo strategist di Ing
Alessandro Giansanti.
    Tenendo conto della retrocessione della commissione agli
specialist (pari a 0,20, che porta il prezzo di collocamento del
titolo da 99,660 a 99,460) il rendimento d'asta del Ctz si
attesta all'1,99% effettivo. A fine mattinata, sul mercato
secondario, il titolo tratta a 99,420 per un
rendimento del 2,01%. Il rapporto di copertura è risultato pari
a 1,46, in discesa dal precedente 1,56. 
    "Il Ctz è stato collocato quasi tutto, il che è un altro
elemento positivo e anche il bid-to-cover è buono." prosegue
Giansanti. "Gli investitori domestici hanno approfittato della
recente risalita del rendimento per comprare Ctz, su cui resta
un buon interesse, anche perché le banche italiane si sono
dimostrate restie a rimborsare i fondi alle Bce, quindi c'è
liquidità da investire sul breve". 
    Oltre il Ctz il Tesoro ha assegnato 736 milioni del Btpei
settembre 2018 e 265 milioni del Btpei settembre 2026 (al
massimo della forchetta d'offerta), ai rendimenti
rispettivamente del 2,30% e del 3,30%.
    La carta italiana collocata oggi ammonta a 3,984 miliardi
complessivi su un'offerta di 2,5-4 miliardi.  
    "L'asta è da considerarsi soddisfacente, tenendo conto che
cade in una situazione con diversi fattori a sfavore per gli
investitori: dal fatto che siamo alla fine di agosto, alla
discesa delle borse ieri, alle incertezze politiche italiane
fino alle tensioni in Siria" commenta Vincenzo Longo di IG. 
     
    SPREAD SU BUND SOPRA 250, SU SPAGNA SI E' RIDOTTO A 6 PB
    A fine mattinata il differenziale di rendimento tra Btp e
Bund decennali viaggia comunque in allargamento, sopra i 250
punti base contro i 249 della chiusura di ieri.
    Nonostante qualche timido segnale di schiarita, la
situazione politica italiana resta ingarbugliata e potrebbe
sfociare in una rottura della maggioranza. Il pretesto potrebbe
essere fornito già domani dalla presentazione da parte
dell'esecutivo della riforma della tassazione immobiliare, anche
se è sulla questione del prossimo voto sulla decadenza di Silvio
Berlusconi da senatore che si sono deteriorati i rapporti tra
Pdl e Pd.
    A testimonianza di come sia la in particolare la situazione
politica interna a mettere pressione ai Btp, c'è da segnalare
anche questa mattina la tendenza ad un restringimento dello
spread tra decennali italiani e spagnoli,
ridottosi a 6 punti base, come non si vedeva dall'inizio di
marzo del 2012.
    
    VERSO ASTE BOT E BTP
    Dopo le aste di Ctz e Btpei di questa mattina - cui si è
aggiunto il collocamento di oltre 4 miliardi di euro di titoli
brevi spagnoli - la tornata dei collocamenti
italiani prosegue domani con l'offerta di 8,5 miliardi di Bot
semestrali, su 10,062 miliardi in scadenza.
    Sul mercato grigio di Mts il Bot semestrale 
tratta al momento su un bid/ask di rendimento dello 0,78/72%,
contro lo 0,799% dell'asta di fine luglio.
    Si chiude dopodomani con le scadenze a medio lungo: in asta
andranno fino a 6 miliardi del nuovo Btp quinquennale dicembre
2018 e della riapertura del decennale marzo 2024
.
    "In questo caso la domanda degli investitori internazionali
potrebbe essere colpita dalle incertezze politiche" spiega
Vincenzo Longo.
             
=========================== 12,35 ============================
FUTURES BUND SETTEMBRE      140,34   (+0,29)
FUTURES BTP SETTEMBRE       111,57   (-0,15)        
BTP 2 ANNI (GIU 15)     101,918  (-0,066)  1,914%  
 
BTP 10 ANNI (MAG 23)   101,079  (-0,137)  4,407% 
BTP 30 ANNI (SET 40)    99,071  (-0,610)  5,127%  
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   91            90 
BTP/BUND 2 ANNI          171           166        
BTP/BUND 10 ANNI       254           249  
livelli minimo/massimo              247,4-255,0  241,4-251,1   
BTP/BUND 30 ANNI       249           242        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   249,3         250,6   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   72,0          69,4      
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia