Tobin tax, fondi sovrani sono esenti, fondi etici no - Tesoro

lunedì 26 agosto 2013 16:57
 

ROMA, 26 agosto (Reuters) - I fondi sovrani sono esenti dal versamento della tassa sulle transazioni finanziarie nel momento in cui investono riserve ufficiali dello Stato.

Lo precisa il ministero dell'Economia nei chiarimenti alla comunità finanziaria diffusi in vista del 16 ottobre, termine per il primo versamento dell'imposta che dovrebbe garantire circa 1 miliardo l'anno.

Di converso, il Dipartimento finanze del Tesoro spiega che "gli acquisti di azioni e le operazioni in derivati fatti da fondi etici o nell'ambito di gestioni di portafogli qualificati come etici o socialmente responsabili sono soggetti" all'imposta.

La Tobin tax all'italiana (Ftt secondo l'acronimo inglese) si applica a tutte le transazioni che hanno per oggetto azioni o derivati con sottostante azioni, purché le operazioni si traducano in un passaggio di proprietà (il trading intraday è escluso).

Via XX Settembre cerca di fornire chiarimenti su tutto il perimetro di applicazione dell'imposta.

Ad esempio, sono soggetti alla tassa tutti i derivati il cui sottostante "è rappresentato da indici, misure, rendimenti su azioni o su indici cui si riferiscono le misure o i rendimenti".

I dividend swap, i credit default swap e i future on index dividend non sono invece soggetti alla Ftt, "in quanto sono da considerarsi nel campo di applicazione dell'imposta i derivati il cui sottostante sia rappresentato da misure o rendimenti su azioni o su indici, quando tali misure sono collegate al valore delle azioni (rappresentato dal loro prezzo di mercato), in modo che la variazione del prezzo suddetto determini una variazione della misura o rendimento ad esso subordinata".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia