PUNTO 3-Imu, vertice a Chigi. Alfano: possiamo farcela

lunedì 26 agosto 2013 19:51
 

(Aggiunge Alfano, cambia titolo)

ROMA, 26 agosto (Reuters) - Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha incontrato a Palazzo Chigi il ministri dell'Interno, Angelino Alfano, dell'Economia e degli Affari regionali, Fabrizio Saccomanni e Graziano Delrio, per discutere di come superare l'Imu sulla prima casa nell'ambito della complessiva riforma della tassazione immobiliare, che dovrebbe vedere la luce mercoledì 28 agosto.

In serata Alfano si è mostrato ottimista: "C'è ancora da lavorare fino a mercoledì, ma possiamo farcela", ha scritto su Twitter.

"Stiamo continuando a ragionare, valutiamo tutte le opzioni percorribili", aveva detto Delrio uscendo da Palazzo Chigi.

La condanna definitiva di Silvio Berlusconi per frode fiscale nel processo Mediaset ha alimentato tensioni dentro la maggioranza che hanno finito con il ripercuotersi sull'attività di governo.

Il Pdl chiede di rendere esenti dal versamento dell'imposta tutte le abitazioni principali con l'eccezione di ville, castelli e immobili di lusso, una soluzione che Saccomanni ritiene sconsigliabile perché poco efficiente e regressiva, che costerebbe alle casse dello Stato 4 miliardi di euro l'anno .

Il Pd è invece per una ipotesi che tagli l'Imu sulla prima casa per il 70% dei contribuenti. La differenza fra le due soluzioni è di circa 1,5 miliardi. Delrio ha detto nei giorni scorsi al Meeting di Cl a Rimini che si lavora a un compromesso per mettere insieme Tares e Imu in una unica Service Tax.

"C'è chi è per un 70% di esenzione sulla prima casa e un 30% che paghi e chi per una esenzione totale: io sono per la prima ipotesi. Rimaniamo ancora con una differenza di impostazione. C'è ancora qualche giorno per trovare una soluzione. Non credo che il Paese possa buttare via 1,5 miliardi in un momento in cui servono risorse per esodati e tante cose", ha detto l'ex presidente dell'Anci.

Alle 16,30 si riunirà il Consiglio dei ministri chiamato ad approvare un decreto legge sulla pubblica amministrazione e un ddl sull'occupazione nel settore, provvedimenti attesi per venerdì scorso ma rinviati per l'opposizione del Pdl su alcune norme inerenti la stabilizzazione dei precari.   Continua...