August 2, 2013 / 9:55 AM / 4 years ago

Giappone, Pil potrebbe rallentare a 1% dopo rialzo tasse su vendite

3 IN. DI LETTURA

TOKYO, 2 agosto (Reuters) - La crescita economica del Giappone rallenterà all'1,0% nell'anno fiscale 2014/15, meno della metà del ritmo previsto per quest'anno, poiché il previsto aumento delle tasse sulle vendite peserà temporaneamente sui consumi.

Lo dicono le stime del governo giapponese.

Nell'anno fiscale 2013/14, che ha avuto inizio lo scorso aprile, l'economia del Giappone è vista espandersi del 2,8%, sia perché il miglioramente del mercato del lavoro ha rafforzato la spesa dei consumatori, sia perché hanno iniziato a prendere piede le misure adottate per far uscire il paese da 15 anni di deflazione, ha detto l'Ufficio di Gabinetto.

In precedenza il governo aveva previsto una crescita del 2,5%.

Il primo ministro Shinzo Abe deve decidere entro al fine di quest'anno se mettere in atto un piano per alzare le tasse sulle vendite dal 5% all'8% a partire dal prossimo mese di aprile e poi al 10% nel mese di ottobre 2015.

I consumi privati sono visti crescere dello 0,5% nell'anno fiscale 2014/15, meno del +2,1% previsto per l'anno fiscale in corso, ha detto l'Ufficio.

Il piano per aumentare le imposte sulle vendite aggiungerà 0,2 punti percentuali al prodotto interno lordo nell'anno fiscale 2013/14 poichè i consumatori correranno ad acquistare i beni prima dell'aumento delle tasse, secondo un funzionario.

Invece l'aumento delle tasse sulle vendite dovrebbe poi sottrarre 0,6 punti percentuali alla crescita economica nell'anno fiscale 2014/15, poichè i consumatori ridurranno le spese, ha detto il funzionario.

Nel complesso i prezzi al consumo dovrebbero salire del 3,3% nell'anno fiscale 2014/15, ma - al netto dell'aumento delle tasse - aumenteranno del 1,2%, dice l'ufficio.

L'aumento delle entrate è il primo passo del governo per cercare di arginare il debito pubblico del Giappone, che è oltre il doppio del Pil annuale e il più grande nel mondo industriale.

Abe ha fatto della ripresa economica e della sconfitta della deflazione la sua priorità, ma ci sono preoccupazioni che possa ritardare il ritmo degli aumenti fiscali per evitare il rallentamento della crescita.

La Banca del Giappone ha lanciato un'intenso stimolo monetario lo scorso 4 aprile, con la promessa di raddoppiare l'offerta di moneta attraverso aggressivi acquisti di asset per raggiungere il suo obiettivo di inflazione del 2% in circa due anni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below