Italia, Ref vede possibile ripresa, ma ritmi troppo lenti

mercoledì 17 luglio 2013 10:05
 

MILANO, 17 luglio (Reuters) - In un quadro di generale miglioramento a livello mondiale, l'Italia appare indietro nei tempi di ripresa e i segnali di inversione di tendenza appaiono appena accennati.

Lo dice l'ultimo rapporto di Congiuntura Ref con le previsioni su 2013 e 2014 in cui l'istituto di ricerca ha precisato che per l'Italia "una ripresa nei prossimi mesi appare possibile, ma i ritmi del recupero saranno lenti, insufficienti per invertire l'andamento del mercato del lavoro".

Ref rivede al ribasso - rispetto alla stima precedente che risale all'aprile scorso - i dati della crescita italiana e vede un nuovo peggioramento del tasso di disoccupazione.

"L'Italia è in prima fila fra i paesi che devono recuperare terreno. Le prospettive per quest'anno e il prossimo non sono confortanti. La caduta del Pil del 2013, vicina al -2%, è seguita da una ripresa blanda l'anno prossimo (+0,8%), troppo poco per far ripartire il mercato del lavoro e per incidere sui bilanci delle famiglie" dice Ref.

Ref vede il tasso disoccupazione 2013 al 12,5%, quello del 2014 a 13,1%.

Quanto ai conti pubblici, Ref dice che "il tentativo del nuovo Governo di dare respiro alla domanda interna ... può contribuire al superamento della fase peggiore".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia