Usa, politica monetaria espansiva Fed benefica per economia - Bernanke

mercoledì 22 maggio 2013 16:28
 

WASHINGTON, 22 maggio (Reuters) - Lo stimolo fornito dalla politica monetaria espansiva messa in atto da Federal Reserve sta contribuendo a sostenere la ripresa dell'economia Usa e prima di sollevare il piede dall'acceleratore la banca centrale vuole vedere segnali più chiari di una congiuntura in grado di ripartire.

Lo dice in un'audizione davanti al Congresso il presidente Fed Ben Bernanke, le cui parole non danno adito alcuno ad aspettative che l'istituto centrale stia preparando una strategia di uscita dall'attuale programma di sottoscrizione di bond. Il banchiere centrale torna inoltre a sottolineare quanto elevato sia il costo della disoccupazione e quanto lontana dal target di 2% si mantenga l'inflazione statunitense.

"La politica monetaria sta garantendo importanti benefici" si legge nel discorso preparato per la commissione economica congiunta del Congresso, che fa riferimento al vivace andamento delle spese dei consumatori nelle categorie auto e abitazione e al miglioramento delle condizioni economiche della famiglie.

"La politica monetaria ha anche aiutato a contrastare le incipienti pressioni deflative e permesso all'inflazione di non scendere troppo al di sotto dell'obiettivo di lungo termine di 2%" aggiunge.

A monte del raffreddamento dei prezzi sta in ampia parte la caduta della voce energia, spiega Bernanke, ma anche altre componenti mostrano segnali di rallentameno.

Il banchiere centrale ribadisce inoltre che Federal Reserve resta pronta sia a incrementare sia a ridurre l'ammontare del programma di 'quantitative easing' a seconda dell'andamento del ciclo, messaggio conclusivo identico a quello dell'ultimo consiglio Fomc in data 1 maggio.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia