Btp chiudono in calo ma sopra minimi, spread a 254 pb, occhi a Fed

martedì 21 maggio 2013 17:42
 

MILANO, 21 maggio (Reuters) - I Btp - dopo una giornata con
pochi spunti - chiudono in calo ma sopra i minimi di seduta, con
una ripresa arrivata sul finale, aiutati anche dalle notizie
provenienti da Bruxelles riguardanti i target Ue di bilancio.
    "La seduta è stata piuttosto sonnacchiosa, senza spunti e
con pochi scambi" dice un dealer. "Solo verso la chiusura
abbiamo visto tornare un po' di attività". 
   Il ministro per gli Affari europei Enzo Moavero ha detto oggi
che l'Italia, che con ogni probabilità uscirà a fine maggio
dalla procedura europea per deficit eccessivo, potrà poi alzare
il proprio indebitamento sul Pil per il 2014 al 2,9%, il che
potrebbe aprire la strada a investimenti pubblici o altre forme
di investimento.
     "In questo momento, a interessare il mercato non sono più
tanto le condizioni del debito dei paesi, quanto piuttosto le
condizioni dell'economia" commenta uno strategist. "Ogni notizia
che riguarda la prospettiva di una ripresa economica è vista
positivamente dal mercato". 
    In chiusura, il differenziale di rendimento tra il decennale
tedesco e quello italiano è in area 254 punti base in recupero
dai 257 pb di stamane, avvicinandosi ai livelli di ieri sera di
253 pb. Il tasso del decennale italiano è
risalito 3,939% da 3,907% della chiusura precedente
, dopo che ieri era sceso fino a 3,875%.
    In leggero calo oggi anche il Btp 2044 collocato via
sindacato la scorsa settimana per 6 miliardi, ma resta poco
sotto 101 dal 97,221 del collocamento, con il rendimento a
4,778% stasera.     
    L'attesa è per la testimonanza domani del presidente della
Fed Ben Bermnake e delle minute del meeting del Fomc della fine
di aprile, dai quali gli investitori si aspettano indicazioni
per un eventuale rallentamento della politica QE di acquisti di
bond in relazione al miglioramento delle condizioni
dell'economia. 
    Sempre domani è in agenda l'asta del nuovo decennale tedesco
su 5 miliardi, con cedola fissata stamane all'1,5%, come il
benchmark precedente. 
    I più penalizzati sono stati i mercati dei paesi core. 
    Il futures bund ha visto un minimo di seduta oggi a 144,25
con un calo di oltre 50 tick. Il rendimento del Treasuries Usa
decennale è salito ai massimi di due mesi vicino al 2%.
    Ne beneficiano invece i paesi periferici.       
    La miglior performance è stata quella dei titoli di stato
greci che oggi hanno visto la curva dei rendimenti tornare a
normalizzarsi, con il tratto a 10 anni che è sceso sotto quello
dei 30 anni, per la prima volta dal 2010. 
    Il miglioramento del mercato greco ha avuto un'accelerazione
da quando Ficht la scorsa settimana ha alzato il rating di Atene
a 'B-' da 'CCC', allontanando il pericolo di default.
    Il rendimento del decennale greco, che giusto un anno fa
quotava oltre il 31%, dopo la mossa di Fitch è rimasto sempre
sotto il 10% e ora sta puntando a rompere anche la soglia
dell'8%. Oggi quota 8,23% dopo che ieri era sceso fino a 8,1%
. 
    
=========================== 17,30 ===========================   
FUTURES BUND GIUGNO         144,45   (-0,41)           
FUTURES BTP GIUGNO          116,19   (-0,34)           
BTP 2 ANNI  (MAR 15)    102,107  (-0,074) 1,295%   
BTP 10 ANNI (MAG 23)   104,883  (-0,328) 3,939%
BTP 30 ANNI (SET 40)   104,873  (-0,469) 4,736% 
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   56            59 
BTP/BUND 2 ANNI          129           125        
BTP/BUND 10 ANNI       254           253  
livelli minimo/massimo              251,8-256,9  250,5-255,9   
BTP/BUND 30 ANNI       241           240        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   264,4         264,5   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   79,7          84,4      
============================================================== 

    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia