PUNTO 1-Italia potrà portare deficit/Pil 2014 a 2,9% dopo procedura-Moavero

martedì 21 maggio 2013 16:54
 

(Aggiunge background)

BRUXELLES, 21 maggio (Reuters) - L'Italia, che con ogni probabilità uscirà a fine maggio dalla procedura europea per deficit eccessivo, potrà poi alzare il proprio indebitamento sul Pil per il 2014 al 2,9%, secondo il ministro per gli Affari europei Enzo Moavero.

"Il limite del 3% è nel trattato. Per gli Stati nella parte preventiva, sotto il 3% e senza procedura, esiste la possibilità di effettuare investimenti produttivi", ha detto Moavero nel corso di un briefing con i giornalisti a Bruxelles alla vigilia del vertice straordinario Ue.

Alla domanda se l'Italia intenda avvalersi nel 2014 dello spazio di manovra reso possibile dall'uscita dalla procedura di deficit eccessivo, portando il deficit al 2,9% nel 2014, il ministro ha risposto: "Esiste un margine anche per misure nazionali. Attualmente c'è un tetto del 3%, ma anche spazio di manovra abbastanza importante (nel 2013 avremmo avuto 2,4% ma questo sale a 2,9% per parte crediti a imprese). Ci potrebbe essere spazio di manovra per investimenti pubblici o per altre forme di investimento che possano essere via via identificati".

Secondo quanto riferito a Reuters da due fonti governative il 13 maggio, il governo vuole negoziare con Bruxelles un aumento del deficit nominale del 2014 al 2,9% del Pil a fronte dell'1,8% indicato nel Def, per realizzare investimenti produttivi rispettando sempre la soglia del 3% per non incorrere in una nuova procedura.

Lo spazio in termini di maggior deficit sarebbe di 1,1 punti percentuali ma il Def risale al 10 aprile ed è probabile che il Tesoro rivedrà al rialzo l'indebitamento tendenziale del prossimo anno adeguandosi alle nuove previsioni emerse nel frattempo come quella della Commissione che parla di 2,5% o del Fondo monetario internazionale (2,3%).

Rivedendo di circa mezzo punto il tendenziale l'Italia potrà beneficiare di un margine sul deficit nominale del 2014 di un altro mezzo punto circa arrivando al 2,9% circa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia