PUNTO 4 - Italia, Tesoro torna con successo su segmento 30 anni

mercoledì 15 maggio 2013 17:57
 

* Btp 2044 collocato a rendimento appena inferiore a 5%

* Funding Tesoro sale a 48,7% di necessità 2013

* Lancio nuovo Btp 30 anni dopo oltre tre anni e mezzo (aggiunge pricing)

di Gabriella Bruschi

MILANO, 15 maggio (Reuters) - Il Tesoro colloca 6 miliardi del nuovo Btp trentennale settembre 2044, a fronte di ordini per quasi 13 miliardi, pagando un rendimento appena sotto il 5%.

Il pricing giunto nel tardo pomeriggio certifica il successo della seconda emissione sindacata a lunghissimo termine di quest'anno, un'emissione resa possibile anche dall'insediamento del governo Letta. In precedenza, in gennaio, vi era stato il collocamento, sempre per 6 miliardi, del nuovo Btp a 15 anni.

"Dopo il collocamento, a sorpresa, della Spagna anche l'Italia ha voluto sfruttare il buon momento del mercato obbligazionario che beneficia dell'eccesso di liquidità nel sistema grazie alle politiche monetarie espansive delle banche centrali" dice Filippo A. Diodovich, strategist di Ig Markets.

Con questa nuova emissione sale a 19 miliardi l'ammontare di emissioni dai 15 anni in poi collocate dal Tesoro dall'inizio di quest'anno. "Si tratta di un netto miglioramento rispetto agli ultimi anni, il che riflette una migliore condizione della domanda per la carta italiana" commenta in una nota Unicredit. I 6 miliardi odierni portano al 48,7% la quota della raccolta completata rispetto al totale ipotizzato per quest'anno a 450 miliardi.

E' dal settembre 2009 che l'Italia non emetteva nuovi trentennali. In quell'anno il Tesoro aveva emesso 6 miliardi dello stesso Btp settembre 2040 utilizzato oggi come riferimento. L'ultima riapertura di questo trentennale risale al febbraio scorso quando il Tesoro ha collocato per circa 900 milioni a un rendimento del 5,07%, con una domanda circa doppia rispetto all'offerta.   Continua...