Ue, con meno rigore riforme strutturali chiave anche per Italia - Rehn

venerdì 10 maggio 2013 15:57
 

AYLESBURY (Inghilterra), 10 maggio (Reuters) - Il fatto che l'Europa possa permettersi di rallentare il ritmo dell'aggiustamento dei conti pubblici rende più importante che Paesi come Francia, Italia e Spagna intensifichino le riforme strutturali.

Lo ha detto il commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn a margine dei lavori del G7 in Gran Bretagna.

"In Europa possiamo affrontare un percorso meno aspro di aggiustamento dei conti pubblici, ma allo stesso tempo è ancora più importante intensificare le riforme strutturali... vale per Paesi come la Francia, l'Italia e la Spagna", ha detto.

Madrid e Parigi hanno ottenuto da Bruxelles una proroga di due anni per centrare gli obiettivi di riduzione del deficit, mentre a Roma è stato concesso di aumentare il livello d'indebitamento quest'anno per liquidare i debiti nei confronti delle imprese fornitrici della pubblica amministrazione senza però valicare la soglia del 3%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia