Slovenia annuncia privatizzazioni e aumento Iva per evitare bailout

giovedì 9 maggio 2013 16:45
 

LUBIANA, 9 maggio (Reuters) - La Slovenia ha annunciato un ampio programma di privatizzazioni e un aumento dell'Iva nell'ambito di un pacchetto di misure finalizzate a evitare un salvataggio internazionale.

Il paese intende cedere 15 società statali, tra cui la seconda banca locale, il maggior operatore telefonico e la compagnia aerea nazionale.

Il primo ministro Alenka Bratusek ha annunciato che l'Iva passerà al 22% dal 20% dall'1 luglio, ma che il governo è ancora in trattative con i sindacati sui programmati tagli alle retribuzioni nel settore pubblico.

Il deficit di bilancio, ha aggiunto, quest'anno balzerà al 7,8% del prodotto interno lordo. Il governo punta ad abbassarlo al 3,3% nel 2014.

Il ministro delle Finanze Uros Cufer, da parte sua, ha dichiarato che il governo darà il via alla vendita di 15 società statali, compresa la banca Nova KBM , il gruppo tlc Telekom Slovenia, la compagnia aerea di bandiera Adria Airways e l'operatore dell'aeroporto di Lubiana.

Il ministro ha aggiunto che lo Stato non manterrà alcuna quota di blocco nelle società e che il pacchetto produrrà risparmi totali di circa 1 miliardo di euro in tagli alla spesa ed entrate.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia