PUNTO 1 - Banche, sofferenze marzo a 21,7% massimo da fine 2011

giovedì 9 maggio 2013 15:30
 

(Aggiunge record sofferenze in primo paragrafo)

MILANO, 9 maggio (Reuters) - I bilanci delle banche italiane mostrano in marzo un aumento del tasso sui 12 mesi delle sofferenze, che balza al 21,7% dal 18,6% di febbraio. Lo evidenzia la Banca d'Italia in una nota sulle principali voci dei bilanci bancari. Il dato rappresenta il massimo da dicembre 2011.

Il tasso di crescita su base annua dei depositi del settore privato è rimasto sostenuto, attestandosi al 7,0% rispetto al 7,8% di febbraio, mentre il tasso di crescita della raccolta obbligazionaria è sceso al -3,3% dal -0,8% del mese precedente.

In contrazione i debiti del settore privato, con un calo annuo dell'1,6% dall'1,4% di febbraio. Nel dettaglio, i prestiti alle famiglie sono scesi dello 0,8% dal -0,7% visto a febbraio, quelli alle società non finanziarie sono diminuiti del 2,8% dal -2,7% registrato a febbraio.

Sul fronte dei tassi d'interesse, quelli sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono diminuiti al 3,90% per cento (3,98% a febbraio), quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo sono diminuiti al 9,64% (9,78% a febbraio). I tassi d'interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono rimasti pressoché invariati, così come quelli passivi sul complesso dei depositi in essere.

(Irene Chiappisi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia