8 maggio 2013 / 14:18 / 4 anni fa

PUNTO 1 - Manovra da meno di 8 mld, subito Cig e stop rata Imu

* Baretta (Pd) esclude nuove tasse. Il vero nodo è l‘Iva

* Sindacati chiedono 1-1,5 mld per cig in deroga

* Pd insiste: finanziare parte della manovra a deficit

* Saccomanni lunedì spiega piani governo a Eurogruppo (Riscrive, aggiunge Baretta e contesto)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 8 maggio (Reuters) - Vale meno di 8 miliardi la manovra che il governo di Enrico Letta intende fare entro giugno, secondo il sottosegretario al Tesoro Alberto Giorgetti (Pdl).

“Certamente la questione Iva, che deve essere affrontata in tempi rapidi, più le altre esigenze, pongono la necessità di un intervento, chiamiamolo come vogliamo”, ha detto a Radio 24 Giorgetti.

Serve “qualche miliardo di euro, penso sotto gli 8 miliardi circa, che dovranno essere reperiti nei prossimi due mesi”.

Pier Paolo Baretta, sottosegretario al Tesoro in quota Pd, dice che il governo darà “risposte urgenti e immediate” su cassa integrazione e Imu. Poi, “entro giugno”, si cercherà di sterilizzare l‘Iva (l‘aliquota ordinaria del 21% salirà di un punto percentuale dal mese di luglio) e prorogare la detrazione al 55% sulle ristrutturazioni edilizie.

Parlando ai microfoni di Radio anch‘io, Baretta non indica come il Tesoro intenda assicurare le coperture, limitandosi a dire che “non si potrà comunque agire sul fronte delle tasse”.

L‘impatto dell‘intera operazione cambia a seconda che si prenda in considerazione il bilancio di competenza (indebitamento) o di cassa (fabbisogno).

I sindacati chiedono di destinare alla cig in deroga 1-1,5 miliardi. Prorogare la detrazione al 55% richiederebbe circa 500 milioni, secondo una fonte ministeriale.

“Il vero nodo è l‘Iva. Se si decide di sospenderla solo per il 2013 sono 2 miliardi, se si decide di congelarla sono 4”, ricorda il sottosegretario del Pd.

Quindi, l‘impatto sul bilancio di competenza della manovra sarebbe quantificabile in non meno di 4 miliardi.

Poi c‘è il capitolo Imu sulla prima casa: il governo vuole sospendere i pagamenti di giugno compensando i comuni con anticipazioni di cassa. La moratoria sui pagamenti avrebbe un onere sul fabbisogno di “poco superiore ai 2 miliardi”, dice Baretta.

In termini di cassa la manovra salirebbe così a circa 6 miliardi.

PD BATTE ANCORA LA STRADA DEL FINANZIAMENTO A DEFICIT

Restano da quantificare oneri, coperture e tempi di intervento per rifinanziare le altre spese indifferibili: la proroga dei contratti a tempo determinato nella pubblica amministrazione, la manutenzione di strade e ferrovie, le missioni militari all‘estero (i 950 milioni a bilancio coprono i primi nove mesi del 2013).

Ci sarebbero poi le risorse per eventuali nuove platee di esodati, i lavoratori che dopo la riforma previdenziale di fine 2011 rischiano di trovarsi, nei prossimi mesi o anni, senza reddito da lavoro o pensione.

Con la staffetta tra Vittorio Grilli e Fabrizio Saccomanni al ministero dell‘Economia, una fonte parlamentare spiega che il Pd ha riproposto di finanziare la manovra in parte con nuovo deficit, rivedendo l‘operazione debiti Pa.

L‘idea, lanciata inizialmente da Stefano Fassina (che nel frattempo è diventato vice di Saccomanni assieme a Luigi Casero) è chiedere alla Cassa depositi e prestiti di prestare a comuni e province le risorse per pagare le imprese fornitrici della pubblica amministrazione.

Facendo leva sui complessi principi della contabilità nazionale, il pagamento delle fatture relative alle spese in conto capitale impatterebbe sul deficit del 2013 in misura inferiore al mezzo punto di Pil indicato dal Tesoro. Senza rivedere l‘obiettivo di deficit al 2,9% del Pil, si libererebbero così 0,1-0,2 punti di Pil da destinare alla cig e ad altre voci di spesa.

Grilli aveva però bocciato l‘operazione Fassina perché avrebbe impedito all‘Italia di avere quest‘anno un bilancio in pareggio strutturale, al netto del ciclo e delle una tantum.

Di questo e di altro verrà chiesto conto a Saccomanni la settimana prossima dai ministri delle Finanze della zona euro, secondo fonti Ue.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below