RPT-Maire ottiene riscadenziamento debito, 6/7 giugno assemblea aumento

mercoledì 8 maggio 2013 09:03
 

(Corregge ric nel testo)

MILANO, 8 maggio (Reuters) - Maire Tecnimont comunica di aver stipulato i contratti di riscadanziamento di 307 milioni di debito con le principali banche finanziatrici del gruppo e la concessione di nuove linee di credito.

Gli istituti, spiega un comunicato, sono Intesa Sanpaolo (con Banca IMI in qualità di banca arranger), UniCredit, Banca Monte dei Paschi di Siena, Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza, Gruppo UBI, Santander e BBVA.

"Gli accordi prevedono, ciascuno secondo termini e condizioni previste nei relativi documenti contrattuali, il riscadenziamento a cinque anni, con grace period di due anni e rimborso in rate semestrali di cui l'ultima in data 31 dicembre 2017, del debito esistente per complessivi 307 milioni di euro e la concessione - da parte di Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banca Monte dei Paschi di Siena - di nuova finanza per complessivi 50 milioni di euro, soggetti alle operazioni di aumento di capitale.

Gli accordi prevedono inoltre la conferma a favore del gruppo, da parte delle medesime banche, di linee di cassa per complessivi 245 milioni e di linee di firma per complessivi 765 milioni.

Advisor dell'operazione sono per Maire Tecnimont Leonardo & Co, NCTM Studio Legale, CBA Studio Legale e Tributario e per le banche CliffordChance.

"Si comunica inoltre che è stata convocata, per il 6 giugno 2013 in prima convocazione e per il giorno seguente in seconda convocazione, l'assemblea straordinaria dei soci per deliberare sulle proposte di aumento di capitale per complessivi 150 milioni di euro".

Per il testo integrale del comunicato diffuso dalla società i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia