CORRETTO-Zona euro,ridurre competitività Germania no soluzione-Weidmann/Noyer

martedì 7 maggio 2013 16:31
 

(sostituisce espressione "competere l'uno con l'altro" con "ridistribuire competitività")

BERLINO, 7 maggio (Reuters) - I paesi europei non devono affrontare la loro debolezza economica ridistribuendo la competitività tra di loro o riducendo la forza della Germania, ma aumentando la competitività dell'intero blocco della valuta unica.

E' il concetto espresso dai consiglieri della Banca centrale europea Jens Weidmann e Christian Noyer, banchieri centrali rispettivamente di Germania e Francia, nel corso della conferenza stampa al termine del bilaterale cui hanno partecipato i ministri delle finanze dei rispettivi Paesi.

"Il punto non è che i Paesi europei ridistriuiscano tra loro la competitività, è che l'Europa nel suo complesso sia competitiva", ha detto Weidmann.

"Il punto non è ridurre la competitività della Germania nei confronti degli altri Paesi, che non ne beneficerebbero nemmeno. Indebolire la Germania significherebbe indebolire l'intera zona euro", ha aggiunto il governatore della Bundesbank.

Sulla stessa linea l'omologo francese Noyer. "Il tema non è, e non può essere, quello di ridurre la perfomance della Germania e il potenziale delle sue esportazioni. Il tema è aumentare la perfomance generale della zona euro rispetto al resto del mondo. Questo richiede riforme a sostegno della competitività in tutti i Paesi", ha affermato il governatore di Banca di Francia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia