Roma, GdF denuncia evasione fisco da 48 mln da società trasporti

lunedì 6 maggio 2013 12:52
 

ROMA, 6 maggio (Reuters) - La Guardia di Finanza ha annunciato oggi di aver individuato tre società di trasporti merci, legate tra loro, che avrebbero occultato al fisco circa 48 milioni di euro di ricavi, evandendo anche l'Iva per 5 milioni.

Durante una verifica fiscale su una delle società, dice una nota, i finanzieri hanno controllato anche i rapporti con altre due aziende satelliti, cioè riconducibili ad altre persone della stessa famiglia, che effettuavano l'esecuzione di servizi per la prima società. In questo modo, hanno scoperto che i due satelliti avevano emesso fatture nei confronti della committente per operazioni mai effettuate "al fine di consentirgli di abbattere gli utili e l'Iva da versare all'Erario".

"Viceversa - dice ancora la nota - le medesime maturavano ingenti esposizioni debitorie nei confronti dello Stato, in relazione ai ricavi derivanti sia dalle prestazioni effettivamente rese che da quelle fittizie risultanti dalle fatture false, che non sarebbero mai state onorate, come dimostrato dalla assoluta mancanza di versamenti delle imposte dovute".

Gli amministratori delle tre società di Lanuvio (località in provincia di Roma), tutti parenti, sono stati denunciati per dichiarazione fraudolenta, emissione di fatture inesistenti, dichiaraziobne infedele, omesso versamento all'erario.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia