PUNTO 3-Ocse prospetta manovra correttiva. Letta non risponde

giovedì 2 maggio 2013 18:39
 

* Saccomanni: Commissione Ue orientata a chiudere procedura

* Tesoro monitorerà saldi bilancio, tetto 3% invalicabile

* Gurria: priorità ridurre tasse su lavoro e imprese

* Ocse suggerisce di prendere risorse da consumi, proprietà (Aggiunge contesto)

di Giuseppe Fonte e Roberto Landucci

ROMA, 2 maggio (Reuters) - Il governo italiano dovrebbe fare una nuova manovra correttiva per mantenere il disavanzo al 2,9% del Pil nel 2013 e garantire la chiusura della procedura europea per deficit eccessivo (Edp), secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

"Se l'Italia vuole ridurre il deficit eccessivo allora dovremo vedere altre misure", ha detto il segretario generale dell'Ocse, Angel Gurria, presentando a Roma l'ultimo rapporto semestrale sull'Italia, dal quale emerge un indebitamento al 3,3% del Pil quest'anno.

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, conferma il mantenimento degli obiettivi concordati con l'Europa ma non risponde alla domanda se sarà necessaria una ulteriore correzione dei saldi dopo le tre manovre da 76 miliardi del 2011.

"Non abbiamo parlato di questo", ha detto Letta nella conferenza stampa congiunta con Gurria.   Continua...