2 maggio 2013 / 07:30 / 4 anni fa

Italia, Ocse peggiora stime crescita, punta dito su crescita debito

MILANO, 2 maggio(Reuters) - L‘Italia è partita con il piede giusto e potrebbe uscire dalla recessione già quest‘anno. Ma ciò non significa che non possa ancora inciampare sotto il peso del debito pubblico.

L‘Ocse - che pubblica oggi il suo rapporto semestrale sull‘Italia - giudica positivamente “l‘ambizioso programma di riforme” avviato lo scorso anno “volto a ripristinare la sostenibilità delle finanze pubbliche e migliorare la crescita a lungo termine”.

Tuttavia c‘è ancora un nemico da combattere. “Con un rapporto debito pubblico/Pil vicino al 130% e un piano di ammortamento del debito particolarmente pesante, l‘Italia rimane esposta ai cambiamenti improvvisi dell‘umore dei mercati finanziari” dice l‘Ocse. “La priorità è quindi la riduzione ampia e prolungata del debito pubblico”.

I risultati ottenuti finora “devono essere consolidati e sono necessarie ulteriori misure volte a promuovere la crescita e a migliorare la competitività, per rimettere l‘Italia sulla strada di una crescita sana”.

A vedere i numeri dell‘Economic Outlook, la situazione non pare certo serena, con l‘Ocse che li riscrive, peggiorandoli, rispetto all‘edizione di novembre scorso.

A partire dal Pil, che l‘Organizzazione parigina rivede al ribasso quest‘anno a -1,5% rispetto al -1,0% precedente, pur indorando la pillola dicendo che tuttavia già quest‘anno si potrebbe uscire dalla recessione. Ma poi taglia la già timida crescita vista per l‘anno prossimo a +0,5% da +0,6%.

Nel suo ‘Interim Assessment’, il marzo scorso, l‘Ocse aveva indicato un Pil a -1,6% nel primo trimestre di quest‘anno e a -1,0% nel secondo trimestre.

Le stime di Parigi sono peggiori non solo rispetto a quelle del governo (-1,3% quest‘anno e +1,3% l‘anno prossimo, secondo il Documento di economia e finanza approvato il 10 aprile), ma anche rispetto a Fmi (-1,0% e 0,5%), a Ue (-1,0% e 0,8%) e a Bankitalia (-1,0% e 0,7%)

Il neo primo ministro Enrico Letta ha detto lunedì - nel suo discorso programmatico - che favorire la ripresa dell‘economia e puntare sul lavoro sarà la priorità del suo esecutivo .

Anche il fardello ciclopico del debito è stato corretto in peggio al 131,5% del Pil quest‘anno e al 134,2% l‘anno prossimo, ma “potrebbe aumentare ulteriormente qualora non si prosegua con ulteriori interventi di consolidamento e/o in assenza di entrate provenienti da operazioni di privatizzazione nel 2014” osserva l‘Ocse. “Il debito pubblico italiano - da due decenni sopra il 100% del Pil - è tra i più alti dei Paesi dell‘OCSE e il suo rinnovo richiederà circa 400 miliardi di euro l‘anno, nel corso dei prossimi anni”.

Ma soprattutto “l‘elevato livello di debito rende l‘Italia particolarmente esposta, nell‘attuale contesto di crisi economica e finanziaria, al materializzarsi di circoli viziosi tra finanze pubbliche, settore finanziario ed economia reale”.

Il governo prevede invece un più tenue debito/pil al 130,4% nel 2013 e un 129,0% nel 2014, con un deficit/pil rispettivamente al 2,9% e all‘1,8%.

“L‘indebitamento netto risulta peggiore rispetto alle stime del governo a causa delle prospettive di crescita più deboli” dice ancora il rapporto.

La ricetta dell‘Ocse si chiama avanzo strutturale. Secondo le simulazioni dell‘Organizzazione, adottare e mantenere misure volte a raggiungere un avanzo strutturale di circa il 2% del Pil entro il 2017, consentirebbe di ridurre il rapporto debito/Pil alla soglia di Maastricht del 60% del Pil entro il 2030, mentre con un pareggio strutturale il debito pubblico si attesterebbe all‘85% del Pil nel 2030 per poi raggiungere il 60% nel 2038.

L’ Ocse vede un avanzo primario quest‘anno all‘1,8% e all‘1,2% l‘anno prossimo.

“Considerato l‘alto livello del debito, ogni allentamento della disciplina di bilancio rappresenterebbe una strategia molto rischiosa” dice l‘Ocse.

(Gabriella Bruschi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below