30 aprile 2013 / 10:53 / 4 anni fa

PUNTO 1-Letta avverte che governo è fragile ed emergenza grandissima

(Aggiunge dichiarazioni Letta)

ROMA, 30 aprile (Reuters) - Dopo aver incassato ieri sera la fiducia della Camera, con 453 voti a favore e 153 contro, Enrico Letta ha chiesto oggi quella del Senato ammettendo che il governo di grande coalizione è operazione politica fragile ma l‘emergenza economica è grandissima.

“C‘è un carico di aspettative eccessivo su questo governo rispetto alla oggettiva fragilità di quello che noi abbiamo fatto e stiamo facendo”, ha detto Letta nei circa venti minuti di replica in cui ha risposto a braccio all‘intervento di ogni singolo senatore citandolo per nome.

“Se la sensazione è che il governo è fortissimo e domattina abbiamo la risposta da dare al Paese abbiamo sbagliato: la situazione rimane di grandissima emergenza e la scelta che abbiamo fatto è figlia di questa situazione”.

Letta ha detto che avrebbe preferito un risultato politico e un governo diverso ma ha osservato come “la realtà è il principale tema che un uomo politico deve mettere al centro della sua azione” e che “tutto il resto è secondario”.

“O c‘è attenzione a innervare i valori che ognuno di noi ha nella realtà o raccontiamo favole per toglierci pesi dalla coscienza”, ha aggiunto.

Il voto di palazzo Madama è atteso dalle 13 in poi.

Scontato il sostegno anche della Camera alta, dove Pd, Pdl e Scelta civica godono di un‘ampia maggioranza.

In mattinata Letta ha ricevuto a Palazzo Chigi il presidente israeliano Shimon Peres, con cui ha discusso della crisi in Siria e del processo di pace con i palestinesi, passando per la questione del nucleare iraniano, informa una nota del governo.

Questo pomeriggio, invece, il vice segretario del Pd volerà a Berlino per incontrare la cancelliera Angela Merkel, mentre giovedì sarà a Bruxelles per una riunione col presidente della Commissione europea José Manuel Barroso.

“Cercherò di presentarmi e di aprire un canale di comunicazione per spiegare cosa è successo in Italia in questi 5 giorni e di raccontare cosa è successo esercizio non semplice oggi pomeriggio e domani farò la mia parte”, ha detto Letta.

Ieri, nel discorso alla Camera, il presidente del Consiglio ha illustrato numerose misure di stimolo all‘economia tra cui una revisione dell‘Imu, lo stop all‘aumento dell‘Iva e il rifinanziamento della Cig in deroga che dovranno essere perseguite nel rispetto dei vincoli Ue sul bilancio.

La domanda alla quale non ha risposto né ieri, né oggi è dove saranno trovate le risorse necessarie per far fronte a impegni che a saldi invariati possono essere stimati attorno ai 10 miliardi.

Mentre Pd e Pdl, i due principali partiti che sostengono il governo chiedono di rinviare l‘obiettivo preso con l‘Unione europea di un bilancio in pareggio da quest‘anno al prossimo, Letta ha detto che il Documento di economia e finanza non si tocca perchè l‘Italia deve uscire, quanto prima, dalla procedura di disavanzo eccessivo e recuperare margine di manovra.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below