Produttività, accordo imprese-sindacati per ampliare detassazione

mercoledì 24 aprile 2013 17:29
 

ROMA, 24 aprile (Reuters) - Confindustria ha firmato oggi con Cgil, Cisl e Uil un accordo per facilitare l'applicazione delle norme sulla detassazione del salario di produttività ampliandone il perimetro.

Lo rendono noto le parti sociali.

Il decreto attuativo della Legge di stabilità varato il 22 gennaio prevede per il 2013 lo stanziamento di una somma massima di 950 milioni di euro da destinare alla detassazione del salario di produttività. In particolare, la norma prevede che per i lavoratori dipendenti del settore privato con un reddito lordo massimo di 40.000 euro sarà applicata una tassazione agevolata del 10% fino ad un massimo di 2.500 euro lordi detassabili per ogni lavoratore.

L'azienda resta la sede principale per la definizione dei premi di produttività. Tuttavia l'accordo punta a facilitare intese a livello territoriale che consentano anche alle imprese prive di rappresentanza aziendale di applicare ai propri dipendenti le agevolazioni fiscali previste dal decreto, a fronte di miglioramenti della produttività aziendale che conseguono ad una diversa gestione degli orari, spiega una nota di Confindustria.

La detassazione sarà estesa poi ad accordi a livello di singola impresa, anche dove non ci sono rappresentanze sindacali, applicabili a tutti i dipendenti, spiega la Cisl.

Si tratta di una intesa unitaria, sulla falsariga dell'accordo del 28 giugno 2011 teso a valorizzare il secondo livello di contrattazione, dopo che in novembre la Cgil non aveva invece firmato il documento propedeutico al decreto attuativo della legge di stabilità.

In un comunicato il sindacato guidato da Susanna Camusso spiega che l'intesa di oggi supera l'accordo di novembre valorizzando la contrattazione aziendale ed estendendo "con le intese territoriali, i benefici della detassazione a quei lavoratori impiegati in aziende dove non è presente la rappresentanza sindacale".

La Cgil chiede di estendere l'intesa a tutte le altre associazioni d'impresa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia