Governo vara decreto su Abruzzo, rifiuti Palermo e Expo 2015

mercoledì 24 aprile 2013 13:28
 

ROMA, 24 aprile (Reuters) - Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge che prevede misure per la ricostruzione delle zone terremotate in Abruzzo, affronta l'emergenza rifiuti a Palermo e assicura la realizzazione nei tempi previsti di Expo 2015.

Nell'illustrare i contenuti del provvedimento, Palazzo Chigi esclude "maggiori oneri per la finanza pubblica".

Il decreto proroga fino al 31 dicembre 2014 lo stato di emergenza per il sisma del 20 e 29 maggio 2012 che ha colpito Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

Altre misure consentono la prosecuzione dell'assistenza alla popolazione dell'Abruzzo, colpita dal sisma del 6 aprile 2009, e la ricostruzione "anche attraverso attività straordinarie di demolizione e abbattimento di edifici pericolanti e rimozione delle macerie".

Il decreto proroga inoltre l'ordinanza della Protezione civile sui rifiuti in Sicilia. In particolare, dovranno essere completati i lavori di potenziamento della discarica di Bellolampo, ma soprattutto dovranno essere realizzati gli impianti di trattamento e separazione dei rifiuti. La discarica dovrà essere messa in sicurezza. Il Presidente della Regione dovrà nominare un commissario.

Prorogata di un anno, fino al 31 marzo 2014, anche un'ordinanza della Protezione civile per Napoli sul collettamento e depurazione di Acerra, Marcianise, Napoli Nord, Foce Regi Lagni, Cuma e impianto di grigliatura e derivazione di Succivo.

Tra le emergenze prese in considerazione rientra l'Expo 2015 di Milano. Il decreto modifica la governance unificando le figure del commissario straordinario con quella del commissario generale dell'Esposizione.

Al nuovo commissario unico - che verrà nominato dal prossimo Presidente del Consiglio - vengono attribuiti poteri in deroga e poteri sostitutivi per risolvere eventuali criticità.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia