PUNTO 2 - Dubbi su Imu possono minare pareggio bilancio - Bankitalia

martedì 23 aprile 2013 18:28
 

* Nuovo governo rispetti tetto 3% deficit/Pil - Franco

* Quadro interno può riacutizzare tensioni su mercati

* Scelte rapide su spese indifferibili e Iva (Cambia titolo e lead, aggiunge dichiarazioni)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 23 aprile (Reuters) - L'incertezza sul gettito Imu può minare l'obiettivo di un bilancio in pareggio strutturale nel 2013.

Lo sottolinea la Banca d'Italia invitando il nuovo governo, sul quale sono in corso le consultazioni al Quirinale, anche a garantire che l'indebitamento non superi il 3% del Pil.

"Qualora l'attuale configurazione dell'Imu fosse da considerarsi di natura temporanea il relativo gettito potrebbe essere escluso dall'indebitamento netto strutturale e dal calcolo dell'aggiustamento conseguito per gli anni 2012-14", dice Daniele Franco, direttore centrale per la ricerca economica di Via Nazionale, riferendosi al fatto che buona parte del gettito Imu andrà a scadenza nel 2015.

Bankitalia dice che la profondità della recessione "richiede un'azione di politica economica ampia e organica", capace di coniugare "l'equilibrio dei conti pubblici e le riforme volte ad aumentare il potenziale di crescita" con il "sostegno al sistema produttivo e alle fasce più deboli".

"L'incertezza sul quadro interno, oltre a ritardare l'attuazione delle misure già decise, potrebbe influire negativamente sullo stato della fiducia, sul costo del debito pubblico e sulla convenienza delle imprese a investire", aggiunge Franco nel corso di un'audizione in Parlamento sul Documento di economia e finanza (Def).   Continua...