Cipro rischio sistemico per zona euro ma caso singolo - Dijsselbloem

giovedì 21 marzo 2013 10:05
 

BRUXELLES, 21 marzo (Reuters) - Per il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem la crisi delle banche cipriote costituisce per l'intera zona euro un rischio di natura sistemica che va necessariamente affrontato. Si tratta però di un problema specifico, di un caso particolare non paragonabile alla situazione di alcun altro paese dell'unione monetaria.

In un'audizione alla commissione per gli Affari economici del parlamanto europeo il numero uno Eurogruppo si dice "convinto partigiano" di un prelievo forzoso sui conti bancari, dal momento che i 10 miliardi di euro potenzialmente in arrivo dai creditori internazionali "non possono costituire il fondamento del futuro sostenibile" dell'isola, il cui problema è comunque di natura "molto, molto particolare" dunque non paragonabile alla situazione di alcun altro paese della zona euro.

Sempre secondo Dijsselbloem, Mosca avrebbe fatto sapere all'Eurogruppo di non essere favorevole a un incremento dei finanziamenti a favore di Nicosia, la cui unica chance sarebbe quella di ottenere una dilazione nei tempi di rimborso o un calo dei tassi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

RUSSIA HA DETTO A EUROGRUPPO DI NON ESSERE FAVOREVOLE AD AUMENTO FINANZIAMANTI CIPRO, POSSIBILE ALLUNGAMENTO TEMPI, TAGLIO TASSI - DIJSSELBLOEM CIPRO COSTITUISCE RISCHIO SISTEMICO PER ZONA EURO, PROBLEMA VA AFFRONTATO - DIJSSELBLOEM A PARLAMENTO UE CIPRO, AIUTI PER OLTRE 10 MLD NON SONO BASE PER FUTURO SOSTENIBILE - DIJSSELBLOEM (EUROGRUPPO)