Btp deboli, prevale avversione a rischio su incertezza bailout Cipro

martedì 19 marzo 2013 13:05
 

MILANO, 19 marzo (Reuters) - - Prevale ancora un clima
decisamente cauto sull'obbligazionario italiano - e periferico
in generale - in attesa del voto di oggi pomeriggio del
parlamento di Cipro sul piano di bailout del paese.
    La seduta si aprirà alle 17 ma in mattinata è già circolata
una bozza della legge che verrà sottoposta al parlamento. La
proposta elimina, per i depositi bancari inferiori ai 20.000
euro, il discusso prelievo forzoso richiesto nei giorni scorsi
dall'Ue e che già nella seduta di ieri aveva innescato una forte
avversione al rischio su tutto il mercato della zona euro
.
    "È emerso questo piano B, probabilmente anche per venire
incontro a qualche pressione russa, vedremo oggi pomeriggio"
afferma un trader da Milano. "È la situazione che si è vista
tante volte negli ultimi anni, al momento non c'è niente di
concreto, non c'è chiarezza e in queste condizioni predomina
inevitabilmente un'impostazione risk-off".
    L'inviato russo presso l'Ue Vladimir Chizov ha affermato che
la proposta di tassazione dei conti correnti ciprioti si delinea
come un esproprio forzoso e solleva il rischio di un collasso
del sistema bancario del paese.
    
    EXTRA-LUNGO IN CONTROTENDENZA
    A fine mattinata, complice la tenuta degli acquisti sui
Bund, lo spread di rendimento tra decennali italiani e tedeschi
si attesta in area 327 punti base sotto i minimi dell'apertura
ma comunque in allargamento dai 323 della chiusura di ieri.
    "I volumi sono bassi, non abbiamo visto nessuno uscire dal
Btp; quelli di oggi sono movimenti di mercato puramente
speculativi, di chi cavalca l'incertezza di questa fase" nota un
secondo operatore, sempre da Milano, che tuttavia segnala il
movimento in controtendenza della scadenza extra-lunga italiana.
    "Il 30 anni beneficia di flussi d'acquisto, l'ipotesi del
nuovo Btp su questa scadenza si allontana un po'" spiega.
    Ieri la responsabile del debito pubblico Maria Cannata,
nell'annunciare la prossima emissione del quarto Btp Italia, ha
anche precisato che il lancio del nuovo benchmark trentennale da
parte del Tesoro, dato per imminente appena qualche giorno fa,
avverrà "quando la situazione sarà meno  volatile"
.
    
    VERSO ASTE SPAGNA 
    Praticamente invariato, all'interno del settore periferico,
lo spread tra decennali italiani e spagnoli,
in area 36 punti base: appena una settimana fa si era
assottigliato a meno di 10 punti base.
    Stamane intanto Madrid ha collocato l'importo massimo
previsto di 4 miliardi di euro di bond a 3 e 9 mesi, con
rendimenti in calo su entrambe le scadenze, in
un assaggio delle aste a medio lungo termine di dopodomani, in
cui verranno offerti tra 3 e 4 miliardi di euro di bond al 2015,
2018 e 2023.
    Mattinata d'aste quella di oggi anche per la Grecia, che ha
collocato 1,3 miliardi di euro a 3 mesi, a tasso invariato, per
il rifinanziamento di una precedente emissione in scadenza il
prossimo 22 marzo.
           
=========================== 12,40 ===========================   
FUTURES BUND GIUGNO         144,20   (+0,26)           
FUTURES BTP GIUGNO          108,97   (-0,20)           
BTP 2 ANNI  (NOV 14)    106,741  (-0,059) 1,832%   
BTP 10 ANNI (NOV 22)   106,875  (-0,202) 4,658%
BTP 30 ANNI (SET 40)    96,790  (+0,318) 5,289% 
========================= SPREAD (PB)=========================  
                                             ULTIMA CHIUSURA    
TREASURY/BUND 10 ANNI   56            56 
BTP/BUND 2 ANNI          182           180        
BTP/BUND 10 ANNI       327           323  
livelli minimo/massimo              324,9-331,7  322,5-334,9   
BTP/BUND 30 ANNI       302           302        
 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   282,6         282,3   
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   63,1         67,9       
============================================================== 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia