Comuni pronti a violare patto stabilità per pagare debiti a imprese

giovedì 14 marzo 2013 16:19
 

ROMA, 14 marzo (Reuters) - I sindaci italiani sono pronti a violare il patto di stabilità interno per rimborsare circa 9 miliardi di debiti verso le imprese.

"Non c'è molto tempo e a questo punto attendiamo dal governo risposte utili tra la fine di Pasqua e metà aprile", ha detto nel corso di una conferenza stampa Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia e presidente dell'Anci, l'associazione dei comuni italiani.

"Dopo quella scadenza i comuni potranno approvare una delibera di giunta che autorizzerà i pagamenti per investimenti e opere", ha aggiunto.

La Banca d'Italia ha stimato che alla fine del 2011 l'indebitamento commerciale complessivo delle amministrazioni pubbliche -- Stato centrale, regioni ed enti locali -- si sia collocato intorno al 5% del Pil, circa 80 miliardi.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Comuni pronti a violare patto stabilità per pagare debiti a imprese | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    21,389.88
    -0.12%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,615.60
    -0.10%
  • Euronext 100
    1,028.40
    +0.04%