PUNTO 1 - Btp, fame rendimenti sostiene strategia Tesoro su extra-lunghi

mercoledì 6 marzo 2013 18:22
 

di Elvira Pollina

MILANO, 6 marzo (Reuters) - A più di una settimana dalla tornata elettorale non è ancora chiaro quando l'Italia avrà un nuovo governo, nel pieno esercizio dei suoi poteri. Ma la fame di rendimenti che il mercato mostra nel comparto dei lunghissimi fa passare, per il momento, in secondo piano l'incerto quadro politico, e lascia ampi margini di azione al Tesoro nella strategia di allungamento della vita media del debito.

"Dopo due anni in cui il mercato è rimasto praticamente congelato, c'è un grande appetito per le scadenze più lunghe", ha spiegato oggi a Londra Maria Cannata, responsabile della gestione del debito pubblico, che si è detta pronta a lanciare al più presto un nuovo titolo a 30 anni, segmento che non vede una nuova emissione dal settembre 2009.

A metà febbraio, 10 giorni prima delle elezioni, il ministero dell'Economia ha effettuato un primo test, più che positivo, tornando per la prima volta da maggio 2011 a riaprire il Btp settembre 2040, la cui sedicesima tranche è stata assegnata per 888 milioni di euro al rendimento di 5,07%. Su piattaforma Tradewb poco intorno alle 17,30 lo stesso benchmark si muove in rialzo di 31 centesimi e rende il 5,336%.

Nelle aste in agenda la prossima settimana - i cui dettagli verranno annunciati venerdì - il Tesoro però potrebbe anche decidere di proporre una riapertura del nuovo benchmark 15 anni, il Btp settembre 2028, assegnato lo scorso gennaio in sindacato per 6 miliardi, finito per il 60% in mano agli esteri. Il titolo, collocato al prezzo di 100,017 a un rendimento del 4,805%, in chiusura guadagna circa mezzo punto e rende il 4,92% .

"Quanto sia ricercato lo si evince dalle quotazioni sul mercato dei pronti-contro-termine, dove pur di accaparrarselo gli investitori sono disposti a rimetterci, visto che ha un tasso negativo", dice un operatore, che spiega come la domanda da parte dei fondi assicurativi dell'area core dell'euro sia molto forte. "Questo perchè l'equivalente tedesco non può garantire il livello di remunerazione delle polizze vita", prosegue il dealer.

Sul mercato repo il -4,4% offerto in chiusura pur di avere il Btp 2028, in chiusura pari a -4,4%, rappresenta il caso estremo, ma sono circa una trentina i titoli italiani caratterizzati da tassi negativi.

DOMANDA PER EXTRA-LUNGHI AIUTA STRATEGIA ALLUNGEMENTO DEBITO   Continua...