Usa, Obama: tagli a spesa "stupidi" ma non causeranno "apocalisse"

venerdì 1 marzo 2013 18:55
 

WASHINGTON, 1 marzo (Reuters) - Il presidente Usa Barack Obama ha detto oggi che i tagli alla spesa, noti come "sequestro", danneggeranno l'economia, aggiungendo però che il Paese supererà anche questo.

"Lo supereremo, non sarà un'apocalisse", ha detto Obama ai giornalisti."Solo che è stupido. E ci danneggerà. Danneggerà le singole persone e l'economia nel suo complesso".

Obama ha anche accusato i repubblicani per lo stallo negli sforzi tesi ad evitare i tagli automatici alla spesa ed ha ammonito che un "effetto domino" potrebbe iniziare a danneggiare la classe media e l'intera economia americana.

In una conferenza stampa dopo i colloqui con i leader del Congresso, Obama ha detto di sperare che i repubblicani tornino al tavolo delle trattative, in un tempo tra le due settimane e i due mesi.

Obama vuole che i repubblicani diano l'ok all'eliminazione delle scappatoie fiscali, di cui godono ampiamente i ricchi, nel tentativo di contribuire a ridurre il deficit di bilancio Usa.

Dal canto loro, i repubblicani hanno escluso aumenti di tasse e vogliono invece una riduzione della spesa.

Secondo Obama, i tagli alla spesa porteranno alla perdita di 750.000 posti di lavoro.

Il presidente ha ricordato di non poter far passi avanti su altre priorità, come la riforma dell'immigrazione, il controllo delle armi e l'aumento del salario minimo, fino a che la questione dei tagli di bilancio resterà irrisolta.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia